Omicidio dello zainetto a Napoli Est,
arrestato l'ultimo uomo: era sfuggito al blitz

Mercoledì 4 Dicembre 2019

In manette anche l’ultimo soggetto coinvolto nell’omicidio in cui perse la vita Luigi Mignano e rimase ferito il figlio.

LEGGI ANCHE Raid fuori scuola a Napoli: «Volevano uccidere anche il bambino»

Era il 9 aprile 2019. la vittima era in Via Sorrento, nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli: stava accompagnando il nipote di tre anni a scuola quando – sotto gli occhi atterriti del bambino – è stato ucciso da diversi colpi d’arma da fuoco.
 

 

Sfuggito al recente blitz che ha visto finire in carcere Giovanni Salomone e Giovanni Borrelli, Pasquale Ariosto, 36enne di San Giorgio A Cremano, è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli.

L’arresto, eseguito in forza di un provvedimento restrittivo emesso dal Tribunale di Napoli su richiesta della DDA Partenopea chiude il cerchio investigativo che già il 4 maggio scorso portò al fermo di  7 affiliati al Clan D’Amico, costola del gruppo camorristico Mazzarella.

Individuato in una palazzina popolare di Viale della Resistenza a Scampia, il 36enne è stato tradotto – come i suoi complici – al carcere di Secondigliano.
 

Ultimo aggiornamento: 16:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA