Ordine dei medici di Napoli, assegnate le medaglie alla carriera

Sabato 2 Ottobre 2021
Ordine dei medici di Napoli, assegnate le medaglie alla carriera

L’Ordine dei medici di Napoli assegna le medaglie alla carriera.  «Incontrare i colleghi che nel 1970 si sono iscritti al nostro Ordine ci consente di guardare a uno spaccato importante della nostra storia. Noi portiamo il testimone di personaggi che hanno fatto la storia, come Antonio Cardarelli, Domenico Cotugno o Giuseppe Moscati, un retaggio pesante del quale siamo molto orgogliosi». Lo afferma il presidente Bruno Zuccarelli, alla cerimonia  al teatro Augusteo.

Video

Gianfranco Tajana, ex ordinario di istologia ed embriologia, afferma: «Rendiamo onore ai colleghi, dimostrando come loro, nonostante i cambiamenti, non hanno mai rinunciato ad essere protagonisti con grande senso di responsabilità, senza mai abdicare al proprio ruolo». E la presidente dell’Albo Odontoiatri, Sandra Frojo: «La pandemia - sottolinea - ci ha messo a dura prova, ma abbiamo saputo rispondere bene e con rapidità. Ancora oggi abbiamo da gettare il cuore oltre l’ostacolo, ma gli odontoiatri sapranno farlo nel migliore dei modi, dando il meglio di quella cultura che da sempre ci ha portati ad essere un fiore all’occhiello a livello nazionale». Critica la posizione di Filippo Anelli (presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici) sul ruolo della medicina nel corso della pandemia.

Covid, lo speciale del Mattino: malattia, varianti, ricoveri, vaccini e no vax

«È stato uno stress test enorme - afferma -, la pandemia ci ha aperto gli occhi su politiche di tagli e blocco del turn-over che in 20 anni hanno depauperato il sistema. Abbiamo potuto raddoppiare il numero di respiratori con una legge, ma non abbiamo potuto raddoppiare il numero degli anestesisti. La medicina ha pagato un tributo altissimo con oltre 363 morti. Oggi abbiamo bisogno di invertire il processo, di investire sui professionisti. Farlo significa riconoscere il loro sacrificio e il loro impegno salute della gente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA