Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Orrore al cimitero di Poggioreale:
feti e arti umani lasciati nei depositi

Martedì 15 Gennaio 2019 di Antonio Folle
Resti umani stipati in casse non sigillate

Scene da film horror nel cimitero di Poggioreale. Arti amputati e feti abbandonati in casse non isolate e in spregio a qualsiasi normativa del settore. E' la denuncia del sindacato EFI (Eccellenza Funeraria Italiana), che ha puntato duramente il dito contro l'amministrazione comunale rea di non rispettare ne i regolamenti vigenti in materia e ne, tantomeno, la dignità dei defunti. Nei depositi del cimitero monumentale sono stipati resti umani che giacciono abbandonati per settimane prima di trovare definitiva sepoltura. L'odore è pestilenziale e le immagini, se possibile, destano ancora più impressione. Dalle piccole cassette di legno non sigillate come previsto dal regolamento di polizia mortuaria, infatti, colano residui di decomposizione e sangue umano. Scene degne del peggior film splatter anni '80. 
 

 

«Il Comune non rispetta alcuna regola sulla giusta, igienica e dignitosa conservazione delle spoglie mortali - denunciano Gennaro Tammaro e Alessio Salvato, delegati del sindacato di categoria - una cosa che denunciamo da tempo. Le casse piccole visibili in foto sono destinate ai feti ed agli arti amputati. È follia pura che non si rispetti quanto giustamente impone la legge. I resti mortali - proseguono - vanno conservati in casse sigillate, e con targhette che identifichino nome e cognome, non delle semplici scritte a pennarello. La cosa assurda – l'affondo di Tammaro e Salvato – è che il deposito del Cimitero di Poggioreale è presidiato dalla Polizia Municipale che, quindi, dovrebbe essere a conoscenza della condizione sopra descritta. Se una cosa del genere l’avesse fatta un privato, state pur certi che sarebbero arrivate multe salatissime e provvedimenti che avrebbero portato fino alla chiusura dell’attività. Il Comune sembra poter lavorare in deroga a qualsiasi norma, anche di buon senso, ancora una volta, quando si parla di cimiteri. E di dignità dei morti».

Nel mese di aprile dello scorso anno l'allora assessore con delega ai cimiteri Alessandra Sardu aveva annunciato l'entrata in funzione, entro la fine del 2018, del forno crematorio di Santa Maria del Pianto. L'annuncio, però, non si è concretizzato in una reale entrata in funzione dell'impianto che doveva servire anche a scongiurare situazioni come quelle che si stanno verificando nel deposito del cimitero di Poggioreale. 

«Il Comune ha da sempre un rapporto conflittuale con il tema cimiteriale, vuoi per incapacità, vuoi perché la delega è una patata bollente che passa di mano in mano togliendoci ogni possibilità di instaurare rapporti con interlocutori già di per sé restii - proseguono ancora Tammaro e Salvato - si veda il forno crematorio: 20 anni per averne uno. Confidiamo ora nel rapporto con il nuovo dirigente che, a differenza dei predecessori, è riuscito a instaurare con le parti in causa un dialogo reale e speriamo utile per la città. Resta comunque da dire che un solo forno può sembrare un risultato importante, ma per la città di Napoli è totalmente insufficiente».

Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio, 06:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA