Lasciato in overdose davanti all'ospedale, senza scampo 23enne napoletano

di Francesco De Sio

  • 218
L'avrebbero accompagnato all'ospedale Loreto Mare quando ormai per il giovane in overdose non c'era scampo. È il destino a cui è andato incontro un 30enne originario di San Giorgio a Cremano, trasportato da alcuni amici al pronto soccorso della struttura di via Amerigo Vespucci, a Napoli, poco prima di mezzogiorno. Quando i sanitari hanno preso contezza della situazione, tuttavia, non c'era già più nulla da fare.

Immediata la chiamata ai carabinieri, intervenuti poco dopo sul posto per identificare il ragazzo e effettuare i primi accertamenti del caso. L'interrogatorio a cui sono stati sottoposti i tre amici della vittima, i quali lo aveva trasportato all'ospedale a bordo della loro macchina senza avvalersi di un'ambulanza, non hanno chiarito del tutto la dinamica di quanto ha portato alla morte del giovane. Tutte da ricostruire le ultime ore della comitiva, culminate con il viaggio a tutta velocità verso il presidio ospedaliero.

Nel frattempo le autorità hanno anche provveduto ad avvisare i familiari della vittima, giunti poco dopo al Loreto Mare. Attimi di tensione in corsia, con i parenti che avrebbero preferito riportare fin da subito la salma a casa e i sanitari che hanno dovuto insistere per far rispettare il sequestro da parte del pm. Ordinata dal magistrato anche l'autopsia sul cadavere: l'esame avrà il compito di stabile, oltre alle cause, anche l'ora esatta del decesso.

Mercoledì 3 Aprile 2019, 16:52 - Ultimo aggiornamento: 03-04-2019 19:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP