Uccide per i troppi rumori, in casa aveva un arsenale: il porto d'armi rinnovato a 82 anni

di Valentino DI Giacomo

4
  • 59
Cinque fucili, una pistola semiautomatica Beretta Px4 Storm, una rivoltella Colt e una pistola più piccola, la Guardian calibro 9, utilizzata per freddare a morte Giuseppe Di Francesco. Sono le armi che i carabinieri della Compagnia di Nola hanno ritrovato in casa dell'83enne Aniello Lombardi, tutte legalmente possedute. L'arsenale casalingo dell'uomo era composto pure da 290 munizioni di vario calibro. Aniello Lombardi era titolare di una licenza per uso venatorio e le armi erano state tutte regolarmente denunciate come prescrive la legge.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 17 Giugno 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 17-06-2019 15:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-06-17 20:21:53
adesso potrà godersi il meritato sonno troppo anziano per il carcere, prima o poi succederà anche nella movida napoletana e solo questione di "pazienza" da parte di chi subisce .
2019-06-17 13:38:57
Simili tragedie accadono perchè sono saltate tutte le regole e perchè ciascuno ritiene di poter fare tutto quel che gli pare e piace come se al mondo ci fosse solo lui/lei. Chiami le forze dell'ordine? Nel migliore dei casi rispondono che hanno altro da fare,sono pochi e ci sono emergenze di cui occuparsi.Cosi',capita che qualcuno,esasperato,sclera e mette mano all'artiglieria. E' tutta e solo sua la colpa?
2019-06-17 11:53:12
Sono stato licenziato due volte perché andai a reclamare che non sopportavo il volume alto della musica schifosa che usano ai dischi nights..... e ho perso tante offerte di lavoro quando ho chiesto a riguardo delle radio nei workshop .Sembra che noi anziani dobbiamo accettare quello che non ci piace ? Questo anziano non avrebbe ammazzato nessuno se c'era un po di rispetto. Spero che lo mettono fuori perché i colpevoli sono quelli che se ne fregano di cosa pensano gli altri ma sopratutto dov'è la forza dell'ordine o quelli adatti nei controlli dei rumori ? ....Questi devono pagare no il vecchio ?
2019-06-17 09:58:41
Queste cose succedono perché c'è la totale assenza delle istituzioni ovvero di chi è tenuto al controllo delle quiete pubblica . Ormai è moda che x ogni festa o festicciola che sia un matrimonio , un compleanno un onomastico ecc. ecc. la stragrande maggioranza dei locali offrono oltre alle cibarie ed alla musica anche fuochi d'artificio che vengono esplosi sino alle tre di notte . POi ci sono i locali non locali o meglio vengono rilasciate licenze ad esercizi di somministrazione di cibi e bevande con locali di pochi metri quadri perché intanto x gli avventori c'è la strada il marciapiede la piazzetta . Questa è la realtà e nessuno vi pone rimedio sino a che qualcuno non ce la fa più e succede quello che non dovrebbe succedere ……..

QUICKMAP