Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gli orrori nel Parco Verde:
«Antonio ucciso dalla madre»

Giovedì 23 Giugno 2016 di Marco Di Caterino
Gli orrori nel Parco Verde: «Antonio ucciso dalla madre»

Colpo di scena nelle indagini sul delitto di Fortuna Loffredo, la bimba di 6 anni del parco Verde di Caivano abusata e uccisa la mattina del 24 giugno di due anni fa dopo essere stata scaraventata nel vuoto dall'isolato 3 delle palazzine popolari Iacp. Marianna Fabozzi, madre delle tre bambine che accusano il suo convivente Raimondo Caputo - detto «Titò» - degli abusi e dell'omicidio di Fortuna, risulta formalmente indagata per l'omicidio volontario di suo figlio Antonio Giglio, 3 anni, precipitato dal settimo piano dello stesso isolato la sera del 27 aprile 2013. La donna avrebbe scaraventato di proposito il bambino nel vuoto, lanciandolo da una finestra dell'abitazione della mamma, Angela Angelino.

Ultimo aggiornamento: 15:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA