Trasporti a Napoli, parte la rivoluzione digitale Tap&Go: «Ma qui ci vorrebbe un miracolo»

Giovedì 11 Novembre 2021 di Alessandra Martino
Tap&Go sbarca anche a Napoli per acquistare il biglietto dei mezzi pubblici campani in modalità contactless

«Parte la rivoluzione digitale del trasporto pubblico in Campania», è l'headline dell'inaugurazione di Tap &Go, che consentirà di utilizzare il trasporto pubblico locale semplicemente pagando con la propria carta bancaria, senza più bisogno del biglietto. 

Partner dell’iniziativa, Mastercard, che ha affiancato il consorzio UnicoCampania e le aziende di trasporto pubblico locale coinvolte, in questa prima fase di sperimentazione. 

Tap&go è disponibile sulle linee metropolitane Eav nelle stazioni della linea Napoli-Sorrento e Aversa-Piscinola e sulle linee Anm Linea 1 e Funicolare centrale e di Chiaia.

Successivamente, entro i prossimi 18 mesi, il servizio sarà esteso anche a tutte le linee ferroviarie Eav e agli autobus delle aziende consorziate. 

Ma la didascalia che compare sulla locandina del convegno non può che suscitare un amaro sorriso, considerando che proprio stamattina, mentre «partiva la rivoluzione digitale del trasporto pubblico in Campania» la metropolitana Linea 1 è rimasta ferma per due ore, in piena fascia di punta, (dalle 7,45 alle 9,45), sulla tratta Dante-Garibaldi. 

Il termine rivoluzione - è risaputo - nel suo significato più ampio indica un qualsiasi cambiamento radicale ma non Miracolo. A sostenerlo il neoassessore ai trasporti del Comune di Napoli Edoardo Cosenza: «Ci vorrebbe un miracolo per poter far funzionare bene la Linea 1, non bisogna dire bugie. Ci vorranno mesi per poter permettere un buon funzionamento del trasporto campano – Cosenza ha così commentato l’accaduto di questa mattina – I miracoli non li sappiamo fare, l’unica soluzione è mettere in funzione nuovi treni. Un sistema inaffidabile è un sistema per definizione che si blocca e provoca disagi». 

Video

Inoltre, «se tutto va come deve andare - riferisce l’assessore - entro il 2022 avremo dieci nuovi treni lunghi. Sarebbe una vera rivoluzione perché oggi il servizio della Linea 1 si basa solo su sei treni corti».

Insieme a queste evoluzioni sarebbe il caso iniziare anche a garantre maggiore sicurezza all’interno dei mezzi di trasporto, come ha fatto notare ancora l’assessore Cosenza: «Ha tanti risvolti positivi quest’avventura intrapresa dal Consorzio UnicoCampania, Mastercard e tutto il sistema trasporto pubblico locale ha voluto fare partendo da Napoli è qualcosa che ha tanti aspetti positivi. Può essere definita, anche, una misura anti-Covid e ambientale visto che si vanno a stampare meno biglietti. Non possiamo non nascondere però che i problemi sono ancora tanti: i treni della Linea 1, della Linea 6, disservizi che non dipendono dal Comune ma dal malfunzionamento dell’azienda Eav. Ci sono ancora troppe insufficienze per poter parlare di sicurezza e di sistema bellissimo e funzionante. È un giorno molto importante ma bisogna fare un grosso lavoro».

«Questo è un passo in avanti per il trasporto campano - spiega il Presidente Eav, Umberto De Gregorio -, ti permette di poter usufruire dei mezzi con più velocità e in massima sicurezza, evitando file e di toccare macchinette e tornelli». «Noi, abbiamo già due app che permettono di acquistare il biglietto online - continua il presidente De Gregorio - Si tratta di Go Eav per fare i biglietti online, affinché non si utilizzi denaro contante, possibile mezzo di contagio, e SaM, che consente al viaggiatore di essere geo localizzato, utile anche per un'emergenza sanitaria. Utilizzare mascherine e guanti è fondamentale, soprattutto nei mezzi pubblici». 

«Noi, abbiamo già due app che permettono di acquistare il biglietto online. - Continua il presidente De Gregorio- Si tratta di Go Eav per fare i biglietti online, affinché non si utilizzi denaro contante, possibile mezzo di contagio, e SaM, che consente al viaggiatore di essere geo localizzato, utile anche per un'emergenza sanitaria. Utilizzare mascherine e guanti è fondamentale, soprattutto nei mezzi pubblici».

Ultimo aggiornamento: 12 Novembre, 13:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento