Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pasqua e Pasquetta a Capri, è record di presenze e sbarchi

Martedì 19 Aprile 2022 di Anna Maria Boniello
Pasqua e Pasquetta a Capri, è record di presenze e sbarchi

Nel day after del ponte di Pasqua, sono stati diramati dall’ufficio statistiche della Guardia Costiera di Capri i numeri dei passeggeri sbarcati e ripartiti dall’isola azzurra. A partire da giovedì sono scesi da traghetti, jet, aliscafi provenienti da Napoli e dalla Penisola e Costiera ben 63.589 visitatori. Sono numeri da sballo che hanno superato ogni ottimistica previsione di questo ponte di Pasqua 2022 che ha riportato l’orologio turistico dell’isola al 2019. 

Le prime avvisaglie si erano avute da giovedì Santo quando sul porto di Marina Grande sono sbarcati ben 6.698 passeggeri e ne sono ripartiti 6.173, tra questi molti pendolari, professionisti e visitatori del tour giornaliero. I numeri degli arrivi si sono più che raddoppiati nel giorno di venerdì quando è iniziato il maxi ponte di Pasqua, che ha visto sbarcare ben 17.148 vacanzieri, giornalieri e stanziali. Sono ripartiti infatti a tarda sera 14.410, lasciando a Capri oltre tremila turisti che hanno risieduto negli alberghi, B&B, Case Vacanze, e seconde case. Ma il vero assalto all’isola si è avuto nella giornata di sabato quando a Marina Grande, sono scesi a terra circa 20.000 passeggeri, e ne sono ripartiti 17.842, lasciando sull’isola altre 2.000 persone, che si sono aggiunte alle presenze dei primi due giorni. Record di arrivi anche domenica con oltre 12.000 sbarchi, ben più contenute, invece, sono state le cifre di Pasquetta che ha visto arrivare solo circa 8.000 vacanzieri.

 

Questo Ponte è stata la cartina di tornasole per tutto il comparto turistico che ha visto finalmente l’Isola del pre Covid con il pienone ai ristoranti, le strade affollate di vacanzieri di ogni nazionalità, difficile trovare un tavolino libero a uno dei bar del salotto del mondo, anche Via Camerelle, via Le Botteghe e via Fuorlovado prese d'assalto dai vacanzieri alla ricerca delle nuove tendenze e delle ultime linee e dei capi di abbigliamento delle grandi griffe, ma anche della creatività dell'artigianato caprese, le lunghe file ai botteghini dei mezzi pubblici e dei taxi, grandi numeri di visitatori anche ad Anacapri, gettonatissime la Casa Rossa, con le statue della Grotta Azzurra, e la seggiovia che conduce a Monte Solaro la vetta premiata come più fascinosa in Italia da Trip Advisor, e alla Canzone Del Cielo, la suggestiva discesa al Faro di Punta Carena, ed anche la ricerca di un posto libero ai ristoranti di Capri ed Anacapri che hanno voluto rispettare la tradizione dell’apertura già nella Settimana Santa, raccogliendone i successi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA