Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ospedale Pellegrini di Napoli, il malato di Covid che voleva la pizza blocca il water e allaga la stanza

Sabato 2 Luglio 2022
Ospedale Pellegrini di Napoli, il malato di Covid che voleva la pizza blocca il water e allaga la stanza

La direzione strategica dell'Asl Napoli 1 Centro «smentisce», in una nota, «quanto denunciato da un consigliere della Campania per il quale ci sarebbe al presidio ospedaliero dei Pellegrini un paziente «ricoverato da giorni in una stanza completamente allagata e sporca». «In modo particolare», la direzione dell'Asl Napoli 1 Centro fa sapere «che si è tentata ogni strada al fine di trasferire l'uomo presso il proprio domicilio o altra struttura. Il paziente, che peraltro è positivo al Covid, sta creando gravi disagi al personale e agli altri degenti. Nei giorni scorsi ha aggredito un infermiere, reo di aver negato l'ingresso di una pizza in reparto ordinata dallo stesso paziente in assoluto disprezzo di ogni regola e norma anti contagio».

L'uomo, aggiunge la direzione Asl, «ha poi allagato la propria stanza ostruendo il water e continua a non rispettare l'isolamento al quale è sottoposto, oltre ad avere un atteggiamento aggressivo e minaccioso nei confronti del personale che cerca di prendersi cura del suo stato di salute».

La direzione generale dell'Asl  Napoli 1 Centro ha provveduto da questa mattina «ad allertare le forze dell'ordine e ha chiesto alla Centrale operativa del 118 di provvedere al trasferimento o alle sue dimissioni presso il domicilio. Nonostante le reiterate richieste del personale e la disponibilità di due posti letto, anche in queste ore il paziente continua a rifiutare il trasferimento in altro luogo appropriato in relazione alla diagnosi ricevuta. Sarebbe sempre auspicabile - conclude la nota dell'Asl - che si evitasse di strumentalizzare episodi di sofferenza, peraltro senza prima aver fatto le necessarie verifiche, nel tentativo di acquisire consenso». 

Ultimo aggiornamento: 3 Luglio, 11:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA