Pena dimezzata a chi uccise Davide Bifolco. La famiglia: «Il nostro bambino ucciso dalla giustizia»

di Paola Marano

22
  • 253
«Il nostro bambino è stato ammazzato dalla giustizia». C’è amarezza nelle parole di Emilia, zia di Davide Bifolco, dopo la sentenza di Appello che prevede uno sconto da 4 anni e 4 mesi a 2 anni per il carabiniere Gianni Macchiarolo, imputato per l’omicidio del diciassettenne ucciso raggiunto da un colpo di pistola durante un inseguimente la notte del 5 settembre 2014.

L'esito dell'udienza in Appello è arrivato in tarda mattinata e ed è stato accolto con grande dolore dalla famiglia del ragazzo. Insieme a loro un gruppo di attivisti dell’associaizone nata in memoria del giovane, che stamattina ha sfilato in corteo da Piazza Garibaldi e ha atteso la decisione dei giudici a Piazza Cenni, sede del tribunale, in segno di solidarietà ai familiari.
 
 

«La giustizia italiana è una vergogna perché non si può concedere un concordato a una persona che ha ucciso un bambino – ha commentato con rabbia Giovanni Bifolco, padre di Davide – avevamo la speranza che la Corte d’Appello potesse essere più determinata, invece abbiamo capito che questo è un processo politico, manovrato e farsato». Anche il fratello di Davide, Alberto Bifolco, punta il dito contro la magistratura con rabbia: «Se avessimo commesso noi un reato del genere avremmo ottenuto un fine pena mai, perché si tratta di un carabiniere allora bastano due anni. Lo Stato italiano si dovrebbe vergognare». La madre di Davide, visibilmente provata, quando ha appreso l'esito della sentenza e' stata colta da un malore.
 

Due anni con pena sospesa: la condanna della seconda sezione della Corte di Appello di Napoli riduce di 2 anni e quattro mesi quella disposta in primo grado. La notte del 5 settembre Macchiarolo si lanciò all'inseguimento di tre ragazzi che in sella allo stesso scooter e senza casco non si fermarono all'alt. Una volta raggiunti, dalla pistola d'ordinanza del carabiniere partì il proiettile che uccise Davide. Già in primo grado era stato stabilito che il colpo parti' per errore e che il proiettile fu esploso perché il militare stava inciampando e non aveva inserito la sicura.

«È stato un omicidio volontario e invece lo hanno giudicato colposo, gli hanno dato il massimo della pena e adesso in Appello solo due anni. È tutto falsato, se questa è la giustizia italiana allora siamo rovinati: Davide è stato trattato così perchè è figlio delle periferie» dice con rabbia il padre di Davide, Gianni Bifolco. «Ho perso un figlio di 16 anni senza un perché», dice ancora e poi, rivolgendosi al militare, aggiunge: «vorrei sapere mio figlio cosa ti ha fatto, non sei neanche venuto a chiedere scusa». Quello che Gianni Bifolco non riesce proprio a digerire, però, e che la sentenza di oggi sia frutto di un concordato tra le parti: «Non andrà in carcere perché è un carabiniere, ma ha commesso un omicidio», sottolinea. Per il padre di Davide «le prove sono state inquinate», «Non hanno fatto le indagini come si deve - sottolinea - il nostro è stato un processo falsato». Poi la rabbia cede il passo al dolore: «Davide mi manca tutti giorni, - dice con un filo di voce - e quella notte è morta anche mia moglie, da quattro anni è nelle mani dei psicologi ma non riesce a superare questo grave lutto».
 
Martedì 16 Ottobre 2018, 15:38 - Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre, 06:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2018-10-17 12:11:33
Tanta vergogna, solo vergogna per la famiglia di bifolchi, il "bambino", se fosse stato tale, non scorazzava in 3 su un motorino senza casco di notte e non fermarsi ad un alt intimato dalle forze dell'ordine! Se scappa vuol dire che aveva la coda di paglia! quindi.... di che parliamo? non certo di un chierichetto! Basta con questa pantomima, sceneggiata napoletana con tanto di malore da parte di mamma, un classico trito e ritrito, se avessero cresciuto il figlio secondo i crismi magari adesso stava a scuola!
2018-10-17 18:31:06
Smettila con questi giudizi inutili, censore dei miei stivali, questo ha sparato ad una persona disarmata ad altezza d'uomo
2018-10-18 10:24:55
Io non censuro nessuno, constato i fatti! tu forse sei di parte
2018-10-17 08:36:51
Nella mia opinione ufficiale di polizia non doveva andare in carcere Donna tu che hai perso il (il tuo bambino di 16 anni) che poi a 16 anni non si e' bambini. perche'; lo hai fatto uscire di casa di notte? dove eri tu ? adesso fai il bordello sotto il palazzo di giustizia per I tuoi errori? non vorrei essere dura con te ma mi fai tanta rabbia pero' ti ho riscritto perche' forse ho un messaggio per te adesso sai cosa devi fare tu? devi aprire un Blog o una associazione nel tuo rione e far in modo che tutte le mamme di Napoli che hanno un figlio minorenne di non farlo uscire la sera tardi su una moto senza casco e con altri due fetenti , ecco tu ora puoi salvare altri ragazzi che non si fermano al ALT della polizia ecco la tua missione la tua missione e' di salvare I ( bambini) di altre donne altre mamme di Napoli ora ti racconto una storia vera accaduta in America tanti anni fa c'era un uomo ed una donna sposati con una figlia adottata di 8 anni un pomeriggio la moglie disse al marito che lei andava a fare shopping con la bambina ma subito dopo si senti un grande boato la moglie mori' in macchina con la bambina per via di un ragazzo che li investi l uomo distrutto dal dolore non fece quello che hai fatto tu sotto al palazzo di giustizia ad urlare e dire bestemmie anzi lui perdono' quell giovane ragazzo che ammazzo' la moglie e la figlia e lo aiuto' nel suo processo che il ragazzo per tutta la sua vita doveva andare nelle scuole a dire altri ragazzi di stare attenti alla guida , il vedovo anni dopo trovo' 'la pace ed anche un altra compagna ... visto solo con l amore si vince tu invece hai odio e quell povero uffuciale ora deve fare due anni di carcere perche ' tu non ti sei presa cura del tuo ( Bambino a tenerlo a casa e non farlo girare di notte in una citta' cosi; caotica come e' Napoli niente e nessuno potra' ridarti tuo figlio ma tu solo tu potrai andare Avanti a salvare altri figli... era solo un pensiero gentile che avevo per te per il tuo dolore spero che mi sono spiegata e ti ho dato il messaggio. fanne cura che potra' aiutarti sei giovane hai una vita davanti a te aiuta gli altri porta la tua croce con dignita' come fece Gesu' ma non maledire che e' peccato fanne frutto di questo dramma ,tutti nella nostra vita abbiamo perso, anche io ho perso e capisco il tuo dolore ma agitarsi cosi' non ti portera' a nessun risultato... hai una vita da vivere usala per il bene non per il male Cordialita'
2018-10-17 08:06:00
1) Innazitutto I bambini non dovrebbero circolare per la citta' di notte! 2) genitore non hanno insegnato al figlio quello che e' giusto e quello che e' sbagliato 3) chi non si ferma all ALT della Polizia ( giustizia) puo venire ammazzato) punto e basta adesso e' inutile piangere sul lato versato educate I vostri figli con educazione civica e rispetto per le forze dell ordine. La colpa e' dei genitori sono loro che si debbono condannare da soli troppa liberta' date ai vostri figli in tre su di un motorino e senza casco ma stai zitta!

QUICKMAP