Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Raccolte 1800 firme per riaprire l'ospedale De Luca Rossano di Vico Equense

Mercoledì 10 Agosto 2022
Raccolte 1800 firme per riaprire l'ospedale De Luca Rossano di Vico Equense

«La chiusura del pronto soccorso dell'ospedale De Luca e Rossano sta avendo forti ripercussioni sulla serenità e sulla sicurezza della nostra città». È quanto sottolinea Antonio Breglia, consigliere comunale di opposizione di Vico Equense promotore di una raccolta firme.

«I cittadini - aggiunge - da quasi due anni sono stati privati del diritto alla salute esponendosi a grave pericolo, in queste ultime settimane ho avuto modo di incontrare tantissime persone che mi hanno testimoniato la propria paura per questa grave situazione, abbiamo raccolto quasi 1800 firme con la petizione popolare dedicata alla riapertura del pronto soccorso del presidio ospedaliero De Luca e Rossano, da pochissimi giorni ho protocollato le firme e la mia relazione anche al Consiglio della Regione Campania ed al Presidente De Luca, oggi ho avuto il primo importante riscontro ed è arrivato da parte del consigliere Luigi Cirillo che ha richiesto un'audizione in commissione sanità».

Video

«La chiusura, da oltre un anno, del pronto soccorso del De Luca e Rossano - gli fa eco il consigliere regionale di Impegno Civico Luigi Cirillo - ha comportato non pochi disagi, con pazienti dirottati per la gran parte all'ospedale di Castellammare di Stabia, che già fa i conti con un numero incredibile di accessi quotidiani. Per queste ragioni ho inviato una richiesta di audizione al Presidente della 5a commissione Sanità per trattare il tema».

© RIPRODUZIONE RISERVATA