Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Poggioreale, detenuti obeso e ultranovantenne: «Situazione paradossale»

Giovedì 7 Luglio 2022
Poggioreale, detenuti obeso e ultranovantenne: «Situazione paradossale»

«Tenere in carcere un ultranovantenne, già da quattro anni in carcere, e un obeso di 270 chili, con problemi cardiopatici, riconferma che nel nostro Paese c'è una cultura giuridica grezza e retrograda, che non tiene minimante conto dei dettami della Costituzione»: lo dice il Garante campano dei diritti delle persone sottoposte a misura restrittiva della libertà personale, Samuele Ciambriello, che si sta occupando dei casi di questi due detenuti, entrambi ristretti nel carcere di Poggioreale. Secondo il Garante, la situazione è «paradossale». «Mario - spiega - è un detenuto che pesa 270 chili, soffre di problemi cardiaci ed ha anche diverse fratture, non entra nella cella, ha sfondato due letti, sia in carcere che in ospedale, dove era stato ricoverato due settimane fa. Come fa ad essere ancora sottoposto alla custodia in carcere? Come è possibile che non venga applicata una misura alternativa? Anche perché stiamo parlano di un reato non ostativo. Mi sembra un accanimento».

Ciambriello, che sottolinea come la mancanza di medici, infermieri ed attrezzature nelle carceri impedisca un'assistenza adeguata ai «tanti detenuti con patologie» più o meno gravi, aggiunge che un'attenzione particolare va riservata non solo ai malati, ma anche agli anziani. E a Poggioreale è recluso da quattro anni un untranovantenne. «Io, è scontato e ridondante affermarlo, penso che il carcere - afferma il garante - non sia un luogo adatto a persone di questa età, qualunque sia il reato. Per queste persone è necessario che si trovino soluzioni alternative. In Campania ci sono cooperative e associazioni che, attraverso un progetto cofinanziato da Cassa Ammende e Regione Campania, accolgono uomini e donne senza fissa dimora. Bisogna farsi carico del compito di potenziare questi percorsi alternativi e migliorativi, non continuare a girarsi dall'altra parte».

Video

Ultimo aggiornamento: 19:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA