Pompei, dopo il raid di camorra
nuovi banchi per i minori a rischio

Martedì 8 Marzo 2022 di Susy Malafronte
Pompei, dopo il raid di camorra nuovi banchi per i minori a rischio

Pompei, dopo il raid intimidatorio, di stampo camorristico, avvenuto lo scorso maggio presso la fondazione di Pompei “A’ voce d’è creature” di don Luigi Merola, nell'ex roccaforte del clan Cesarano – quando ignoti distrussero la sede e rubarono banchi e sedie -  un benefattore, che ha chiesto l'anonimo, ha regalato banchi e sedie nuove ai bambini a rischio camorra.

A fare da tramite tra don Merola e il benefattore è stato il comandante dei carabinieri di Pompei, il luogotenente Angelo Esposito.

I 40 minori a rischio camorra, assistiti e accolti ogni giorno da don Merola, ora potranno avere una sede di studio e di gioco più confortevole e attrezzata. Agli scugnizzi di don Luigi si sono aggiunti 3 piccoli scappati dai bombardamenti in Ucraina. Pompei e Napoli, sede della fondazione dei bambini anticamorra, fanno da ponte per la città di Leopoli con un carico di medicinali, pomate per le ustioni, garze e pannolini. il furgoncino bianco, anche con a bordo don Luigi, viaggia senza osta per 24 ore di fila.






 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche