Porto di Napoli, il flop delle bonifiche: trovate altre quattro bombe sotto il mare

di Antonino Pane

  • 93
Dar fondo ad un'ancora nel porto di Napoli sta diventando un'operazione pericolosa. Si trovano bombe inesplose ovunque e si rischia di centrare un ordigno bellico. Dall'inizio dell'anno sono già otto quelli rinvenuti, gli ultimi quattro in queste ore nell'area della Stazione Marittima dove dovranno ormeggiare le navi di appoggio alle Universiadi. Ma cosa accade? Sta emergendo uno sperpero di denaro che non ha messo in sicurezza il porto. Il porto, infatti, prima di iniziare gli escavi è stato bonificato solo per un metro mentre andava sondato molto più in fondo. Soldi, tanti, praticamente buttati perché se è vero com'è vero che il porto di Napoli ha accumulato molto più di un metro di sabbia sui fondali negli ultimi anni, è evidente che gli ordigni erano depositati più in profondità, cioè ben oltre il metro di sabbia che è stato ispezionato.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 13 Giugno 2019, 08:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP