Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Posillipo, rissa in spiaggia: «È successo tutto davanti a mio figlio di 3 anni, ecco cosa ha scatenato la violenza»

Martedì 17 Maggio 2022 di Andrea Aversa
Posillipo, rissa in spiaggia: «È successo tutto davanti a mio figlio di 3 anni, ecco cosa ha scatenato la violenza»

La spiaggia piccola e un pallone che infastidiva i bagnanti. Un gruppo di ragazzini che voleva giocare nonostante le richieste di quelle persone preoccupate per i propri bambini. Una donna che ha preso e lanciato la palla oltre gli scogli. Uno dei ragazzini che ha inveito contro di lei. È lì che la miccia è stata accesa. Ecco cosa avrebbe scatenato la violenza che di li a poco sarebbe esplosa sulla spiaggia delle Monachelle a Posillipo.

Il video dell'aggressione è diventato virale sul web attraverso i social, indignando l'opinione pubblica. «La persona aggredita ha sbagliato. L'uomo ha reagito spingendo il ragazzino. Quest'ultimo aveva insultato le persone che gli avevano chiesto di smetterla di dare fastidio con il pallone», a raccontare l'accaduto è Fabrizio D'Onofrio, consigliere della I Municipalità.

«Il giovane è caduto e ha battuto il viso contro uno scoglio, episodio che gli ha provocato un'escoriazione», continua D'Onofrio. Poi la telefonata al papà giustiziere e il resto è cronaca: l'uomo è arrivato in spiaggia e ha colpito con un casco il signore, rischiando di provocargli gravi traumi e di affogarlo in mare. «È stata una scena terribile - ha spiegato D'Onofrio - c'erano famiglie, donne e bambini. Ancora non riesco a togliermi dalle orecchie le urla impaurite di mio figlio che ha solo tre anni». Sul posto è poi intervenuta la polizia. Gli agenti hanno identificato le persone coinvolte mentre la vittima dell'aggressione avrebbe sporto denuncia.

«Quello che è successo è intollerabile - ha affermato D'Onofrio - Non è bello guardare dei giovanissimi comportarsi in quel modo ma allo stesso tempo è disarmante notare quanto questi atteggiamenti violenti siano legittimati dai comportamenti ancora più irresponsabili degli adulti. Con quello che è accaduto a Marechiaro, l'ultimo fine settimana a Napoli è stato un inferno. Per questo ho chiesto alla presidente della I Municipalità Giovanna Mazzone di convocare un Consiglio monotematico sulla sicurezza cittadina. Sarà chiesta la partecipazione anche dell'assessore De Iesu e della dottoressa Pagnano, responsabile della polizia municipale». 

Ultimo aggiornamento: 18 Maggio, 12:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA