«Post discriminatori su facebook», Arcigay contro il sindaco di Caivano

Bandiere arcobaleno (Arcigay)
di Eduardo Improta

Una dura condanna dell’Arcigay Napoli nei confronti del sindaco di Caivano, Simone Monopoli. «Indignati e disgustati dalle gravissime espressioni discriminatorie, sessiste e antidemocratiche del sindaco di Caivano, - recita una nota diffusa dall’Arcigay Napoli - che, nei suoi post sui social, denigra gli “avversari” politici facendo ricorso al più becero dei repertori linguistici omotransfobici. Efebi, eunuchi, ermafroditi, non uomini: ecco cosa sono per il sindaco del comune di Caivano tutti coloro che osano contestare e criticare l’operato della sua amministrazione. Offese che, come risulta palese anche dall’osservazione degli screenshot inviatici dai cittadini caivanesi».
 
«Chiediamo alle Istituzioni della città - continua la nota - elette democraticamente, di restituire dignità alla propria cittadinanza: supporteremo per questo, come richiesto da da alcuni cittadini e da alcune associazioni sul territorio, un’iniziativa pubblica contro l'omotransfobia a Caivano da fare nelle prossime settimane che potrebbe avere ripercussioni serie, financo lo scioglimento della Giunta Comunale della città con relativa e opportuna rimozione del primo Cittadino».
Sabato 1 Luglio 2017, 14:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP