Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nasce la Scuola della Psoriasi: esperti a confronto per la «gestione» della malattia

Giovedì 27 Novembre 2014
Nasce la Scuola della Psoriasi: esperti a confronto per la «gestione» della malattia
Domani a Napoli (dalle ore 9 al Centro Congressi Federico II in via Partenope) si terrà la prima riunione operativa della Scuola della Psoriasi, un progetto educativo che si propone di unire diversi specialisti nella gestione globale della malattia che in Italia colpisce circa il 3% della popolazione (oltre 2 milioni); in Campania si registrano almeno 150mila casi.



La Scuola della Psoriasi, associazione no profit, ha come soci fondatori i professori Fabio Ayala, Nicola Balato, Giuseppe Monfrecola, Cataldo Patruno e Massimiliano Scalvenzi. Nel corso della riunione della Scuola, saranno a confronto studiosi non solo della Clinica Dermatologica dell’Università Federico II, diretta dal professor Fabio Ayala, ma anche provenienti da altri Centri italiani ed esteri.




«La psoriasi è una patologia multiorgano in cui l’aspetto cutaneo è il più evidente - sottolinea Nicola Balato, professore associato della Clinica dermatologica dell’Università Federico II di Napoli –, ma si associa e comprende altre condizioni, dall’artrite alla sindrome metabolica al rischio cardiovascolare. Il dermatologo è il medico-sentinella - prosegue il professor Balato - che pone la diagnosi e gestisce la malattia. Per la complessità della patologia, però, spesso il dermatologo necessita della collaborazione con diverse figure professionali: dal medico di medicina generale al pediatra di famiglia, dal reumatologo all’ endocrinologo, dal gastroenterologo allo psicologo. Ecco il perché della nascita della Scuola».



«I pazienti con psoriasi - aggiunge Cataldo Patruno, specialista ambulatoriale e docente presso la Scuola di Specializzazione in Dermatologia della Federico II - presentano un maggior rischio di incorrere in accidenti cardiovascolari, come l'infarto del miocardio, perché la cosiddetta sindrome metabolica (aumento del colesterolo e dei trigliceridi, diabete, ipertensione, obesità) è più frequente negli psoriasici. Pertanto è necessario che queste persone adottino uno stile di vita che sia in grado di ridurre questo rischio».



Si tratterà di una giornata di studio e approfondimento su diversi argomenti tra cui focus sui vari organi coinvolti nella malattia, sulle terapie più attuali, sul ruolo del dermatologo nella gestione del paziente, sui consigli su quali stili di vita da adottare.



Ovviamente, vi sarà la presentazione degli obiettivi della neonata Scuola della Psoriasi. In particolare, la Scuola si propone di creare un linguaggio comune e condiviso dalle diverse figure professionali, allo scopo di educare il paziente a comprendere pienamente la propria malattia e nel contempo creare sinergia tra gli specialisti e le associazioni di pazienti, come l’Adipso presieduta dalla dottoressa Mara Maccarone.
Ultimo aggiornamento: 18:11