Raganello, l'urlo dei familiari:
«Da un anno aspettiamo giustizia»

di Francesca Mari

Una messa con rito ortodosso e una fiaccolata in cui si sono stretti in un abbraccio di dolore e ricordo i sopravvissuti e i familiari delle dieci vittime della strage del Pollino. Ieri a Civita, in provincia di Cosenza e territorio del Parco nazionale del Pollino, la commemorazione della tragedia del 20 agosto del 2018 quando 44 escursionisti provenienti da diverse parti d'Italia, usciti per rafting nelle Gole del Raganello, furono travolti dall'esondazione del torrente omonimo che costò la vita a dieci persone. Un inferno di fango e detriti travolse, improvvisamente, i turisti in quella giornata di maltempo in cui fu ignorata l'allerta meteo, responsabilità per cui, secondo le indagini successive, sono indagate 14 persone tra amministratori locali e responsabili turistici.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 21 Agosto 2019, 12:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP