Rifiuti speciali smaltiti in Campania: otto indagati, sequestrati 22 camion

3
  • 776
I carabinieri forestali scoprono gruppo criminale dedito al traffico illecito di rifiuti in Campania: sequestrata società e 22 autocarri, otto le persone indagate, due italiani e sei romeni. È stata così portata alla luce l'esistenza di un'associazione per delinquere operante nell'intera regione Campania e finalizzata ad attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti.

I carabinieri forestali del nucleo investigativo di polizia ambientale, agroalimentare e forestale hanno portato a termine una complessa attività investigativa svolta tra il 2013 e il 2014 su delega della Direzione distrettuale antimafia di Napoli. I militari ora hanno dato esecuzione a un'ordinanza di applicazione di misure cautelari reali emessa dal Gip di Napoli a carico di una società della provincia di Napoli operante nella gestione di rifiuti speciali (metalli ferrosi e non) e di 22 autocarri utilizzati per tale scopo dagli indagati sui quali con la compiacenza di un consulente ambientale associato venivano rilasciate autorizzazioni dall'Albo nazionale gestori ambientali.
Sabato 10 Febbraio 2018, 13:10 - Ultimo aggiornamento: 10-02-2018 15:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-02-10 14:40:13
Attività investigative svolte nel 2013-2014! Quindi, trattasi di un'attività illegale operante già prima del 2013. Ma la Magistratura ha idea di cosa sia il fattore "tempo", e i danni all'ambiente a alla Società che il perdurare dell'attività incriminata può procurare? In un Paese dove i controlli sono efficaci e le pene severe e certe, pochi si azzardano a delinquere. E' evidente il motivo per cui da noi queste attività illeciti sono continue e incessanti...e non finiranno mai.
2018-02-10 14:06:03
Beh, ora i camion sono diventati visibili.
2018-02-10 13:40:41
Tutto molto vago , senza indicazione, almeno, della società incriminata. Quale senso ha dare una notizia in questi termini? Si potrebbe comprendere solo se la Magistratura ha chiesto il riserbo, per la continuazione delle indagini.

QUICKMAP