Rinnovo patenti, 150mila visite mai dichiarate: sette medici indagati tra Napoli e Ischia

ARTICOLI CORRELATI
di Gigi Di Fiore

1
  • 209
Gli accertamenti del I gruppo Napoli e della tenenza di Ischia della Guardia di finanza sono stati svolti a campione. Nel mirino, le dichiarazioni dei redditi dei medici e, in particolare, quelli che tra le loro attività professionali sono impegnati ad attestare l’idoneità psico-fisica necessaria ad ottenere il rinnovo della patente. Si tratta di medici di base e medici militari, anche in pensione da non più di dieci anni. 

La verifica della Guardia di finanza è stata doppia e su dati incrociati tra loro. Da una parte gli attestati informatici sulle richieste raccolti dalla Motorizzazione civile, con i certificati di idoneità sottoscritti dal medici, dall’altra le dichiarazioni dei redditi degli stessi sanitari nel periodo 2015-2016. Alla fine, sette per ora le posizioni di medici risultate sospette di evasione fiscale. Uno è di Ischia, gli altri sei di Napoli. Medici di base, ma anche medici militari in pensione.

I numeri appaiono incredibili. In sette hanno in due anni eseguito qualcosa come 154mila visite necessarie ad attestare l’idoneità psico-fisica di altrettanti patentati che chiedevano il rinnovo del loro documento. Gli accertamenti della Guardia di finanza sono per ora limitati alle evasioni fiscali, ma il numero delle visite effettuate potrebbe far sorgere sospetti su controlli medici eccessivamente rapidi o inesistenti. Un aspetto, però, per ora estraneo a questo primo accertamento. Eppure, il medico che svolge la sua attività a Ischia è riuscito a fare in due anni ben 28 mila visite. Considerando 506 giorni lavorativi in due anni, farebbero circa 55 visite al giorno.

«Per ora, dalle verifiche documentali, non può ricavarsi alcun ulteriore sospetto oltre l’evasione fiscale; si tratta di visite rapide che possono essere fatte in poco tempo» dice uno degli inquirenti della Guardia di finanza. Negli accertamenti, è emerso che molte di queste visite non venivano inserite nelle dichiarazioni dei redditi dei medici, nonostante risultassero tracciate dalla comunicazione informatica che, per legge, i sanitari devono trasmettere alla Motorizzazione civile.

Le visite per l’idoneità psico-fisica hanno un costo che varia, in base al territorio e ai servizi offerti della singole scuole guida che si rivolgono ai medici. Si va da 30 a 60 euro lordi, cui vanno tolte le percentuali alla scuola guida. In totale, all’attenzione della Guardia di finanza è finito un imponibile totale di oltre 800mila euro. Tre medici, tutti di Napoli, hanno subito ammesso la loro mancanza nelle dichiarazione dei redditi e hanno sanato la situazione pagando il dovuto all’Agenzia delle entrate, con una sanzione.

Gli altri quattro (tre di Napoli e uno di Ischia), invece, sono andati avanti con l’opposizione alla contestazione ricevuta ed è probabile che la vicenda arrivi dinanzi alle Commissioni tributarie. Tra i medici che hanno fatto ricorso, compare l’ischitano dalla media di 55 visite al giorno da 16 euro di guadagno l’una non dichiarati. Per questo medico, il totale di evasione fiscale calcolato dalla Guardia di finanza, sarebbe di ben 450mila euro.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 9 Febbraio 2018, 00:01 - Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 21:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-09 08:45:57
Questa è la vera emergenza sanitaria.Si è passati dal giuramento d'Ippocrate ad un atteggiamento d'ipocriti.

QUICKMAP