Rissa a Cadice, gli amici di Emilio: «Ha cominciato a bere in Spagna»

di Valentino Di Giacomo

15
  • 1340
Un calcio sulla tempia, il rumore assordante del piede che con atroce violenza colpisce la testa di un ragazzo inerme finito a terra dopo essere stato già colpito con forza da un pugno in faccia. Per quel calcio Emilio Di Puorto, 28enne di Villa di Briano, paesino del Casertano a due passi da Casal di Principe, è ora nel carcere di Cadice con l’accusa di tentato omicidio. Tutto si è svolto nell’arco di pochi minuti: i tanti drink bevuti nella discoteca di Punta San Felipe, qualche parola di troppo e poi la rissa che ha visto coinvolti un gruppetto di italiani in Erasmus contro una comitiva di spagnoli dopo la serata trascorsa a ballare. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 26 Maggio 2019, 23:30 - Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 18:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-05-27 23:38:29
Ma quanto può essere vigliacco un verme che colpisce con un calcio alla testa un rivale già a terra?
2019-05-27 18:19:46
Che carriera universitaria, a 29 anni anvcora non laureato, coraggio da vendere nel colpire con un calcio alla testa un uomo in terra che non può difendersi, che grande uomo questo pseudostudente, per forrtuna le legfgi in Spagna non fanno acqua come le nostre. Ovviamente sarà condannato ed auspicabilmente per il ragazzo in coma sol per tentato omicidio. Dal momento che ha contratto un debito con la giustizia di quel paese abbia il coraggio di assumersi le proprie responsabilità anche se è difficile aspettarsi tanto da un vigliacco che è bravo solo a colpire chi non è più in grado di opporre una linea di difesa.
2019-05-27 18:14:49
premesso che condanno in modo assoluto il gesto e la violenza, ma leggendo alcuni vostri commenti davvero resto costernato, in particolare i giudizi sul fatto che a 29 anni fosse all'università o la sua provenienza. Nessuno conosce la sua storia per cui giudicare il paese di provenienza o la sua età anagrafica nell'ambito universitario è davvero da ignoranti! e cmq lo spagnolo ha attaccato per primo...
2019-05-27 14:43:51
Confido nei giudici spagnoli.In altri paesi se parlerebbe già di affidarlo ai servizi sociali. E poi che studente è se a 29 anni è ancora all'università?
2019-05-27 13:53:57
C'è da augurarsi che lo tengano in galera il più possibile; un delinquente di meno presente nel nostro Paese.

QUICKMAP