Roma invasa dai fedeli napoletani, veglia per Vincenzo Romano e Nunzio Sulprizio oggi Santi

Un gruppo di fedeli in partenza per Roma
ARTICOLI CORRELATI
di L'inviato Rosa Palomba

  • 519
C'è l'aspettativa già premiata. La prossima messa nella basilica di Santa Croce a Torre del Greco e nella parrocchia di San Domenico Soriano a Napoli sarà nel nome dei nuovi Santi campani che domani saranno proclamati da Papa Francesco. Alla 10.30 in Vaticano il pontefice scriverà la parola fine a un'attesa durata decenni, fatta di testimonianze, processi ecclesiastici, preghiere. Vincenzo Romano e Nunzio Sulprizio saliranno agli altari insieme con papà Paolo VI, che li proclamò Beati. Dalla stazione centrale di Napoli e dalla parrocchia Soriano di piazza Dante, per l'intera giornata di oggi e fino a notte (gli ultimi pullman sono in programma alle 3), decine di bus sono partiti in direzione Roma per assistere alla cerimonia di domattina. Tanti anche i fedeli napoletani che hanno deciso di raggiungere la Capitale in treno. 

Più di venti i pullman in partenza da Torre del Greco: oltre duemila persone hanno aderito all'invito del parroco di Santa Croce, Giosuè Lombardo. Almeno altri duemila torresi stanno raggiungendo la Capitale con mezzi propri. In overbooking infatti, gli alberghi vicini alla Santa Sede dove centinaia di persone si sono dirette appena giunte a Roma. 

«Siamo pronti per celebrare l'ultima messa della giornata», dice don Nicola Rivieccio, postulatore della causa per la santificazione di Vincenzo Romano, il primo Santo della città di Torre del Greco, in Vaticano già da lunedì insieme con gli altri sacerdoti che hanno seguito il processo di santificazione per gli altri sei santi che saranno proclamati domani. 

Cappellini bianchi e foularini gialli, così domani saranno riconoscibili i «vesuviani». Intanto, alle falde del Vesuvio, in attesa della partenza degli ultimi venti bus alle tre di stanotte, continuano le celebrazioni in basilica. Aperta anche la mostra pittorica sulla vita del prete-lavoratore, nell'ambito degli eventi affidati alla direzione artistica di Gigi De Luca. In partenza da Napoli anche Loredana Raia, consigliera regionale Pd, in rappresentanza della Regione Campania. «È un doppio onore essere lì, da torrese e da campana», dice Raia a cui è affidato il gonfalone. 

Canti, cori, colazioni al sacco ed escursioni tra il Vaticano e il centro di Roma. Gran festa, grande fede e molto orgoglio. Un nuovo santo, il primo di Torre del Greco, vuol dire anche immaginare un futuro di turismo, questa volta anche religioso.
 
Sabato 13 Ottobre 2018, 19:33 - Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre, 09:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP