Saccheggio dei Girolamini, Dell'Utri testimonia: «Non sapevo che i libri venissero da lì»

Lunedì 25 Maggio 2015 di Viviana Lanza
Marcello Dell'Utri

NAPOLI - «Non potevo immaginare che De Caro mi regalasse libri sottratti dalla biblioteca dei Girolamini, perchè mi regalava libri anche da prima. Se lo avessi immaginato non li avrei messi a disposizione del pubblico». Lo ha dichiarato l'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri chiamato, come imputato in procedimento connesso, a testimoniare in tribunale a Napoli al processo sul saccheggio alla biblioteca dei Girolamini.

Dell'Utri ha raccontato, collegato in videoconferenza da Parma, che in occasione del Natale o di compleanni Marino Massimo De Caro gli regalava volumi antichi: «Annotavo sempre per ogni libro che catalogavo la data, la provenienza, il prezzo se lo avevo acquistato o il nome di chi me lo aveva donato se si trattava di un regalo». Quando De Caro fu nominato direttore della biblioteca Girolamini «mi disse - ha raccontato - di aver trovato la biblioteca in uno stato di degrado e di abbandono e di volerla rimettere a posto. Mi disse anche che secondo lui c'erano volumi che si erano persi e volumi che si stavano perdendo perchè non c'era una catalogazione».

Ultimo aggiornamento: 16:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA