Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ospedale San Leonardo di Castellammare senza medici, è allarme

Martedì 5 Luglio 2022 di Fiorangela d'Amora
Ospedale San Leonardo di Castellammare senza medici, è allarme

Pronto Soccorso senza chirurgo, Ortopedia prossima alla chiusura, tanto caos: il San Leonardo di Castellammare è in piena emergenza. «I turni a tre dei medici sono passati a due dal lunedì al giovedì - spiega in una lettera al direttore dell'Asl 3 Sud Giuseppe Russo il segretario territoriale della Fials Francesco Iovino - poi follemente si è stabilito che vi fosse bisogno solamente della presenza di due medici, senza tener conto che il pronto Soccorso di Castellammare è l'unico attivo su un territorio che abbraccia circa 600.000 utenti». Il sindacalista critica le scelte aziendali e mette in luce criticità e malfunzionamenti nel reparto di urgenza del nosocomio stabiese. «L'assenza del terzo medico, vale a dire la copertura della sala chirurgica, mette a serio repentaglio l'incolumità fisica dei pazienti e degli operatori che non possono garantire una adeguata assistenza». 

Video

Nel chiedere un intervento radicale al neo direttore aziendale, Iovino mette in luce la decisione di chiudere i reparti di Ortopedia dei nosocomi di Castellammare e Sorrento, lasciando attivo solo Boscotrecase. «Dal 16 settembre 2021, momento in cui si è insediato il nuovo primario stabiese di ortopedia Cirillo, si sono registrati 140 ricoveri, nel 2022 fino ad oggi 260 ricoveri, 78 Lea (Media 70%), 200 operazioni di femore: con questi numeri non è possibile che si voglia prevedere solo l'ambulatorio ortopedico». Di qui l'appello al neo direttore sanitario: «Siamo arrivati all'estremità di un punto di non ritorno, c'è bisogno di un intervento deciso e radicale». 

Ultimo aggiornamento: 6 Luglio, 18:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA