Pistola in pugno e mascherina, rapinò supermercato: arrestato nel Napoletano

Mercoledì 28 Ottobre 2020 di Dario Sautto

Sant'Antonio Abate. Partì da casa con la sua auto per rapinare un supermercato: incastrato dalle telecamere nonostante la mascherina. È finito ai domiciliari Antonio Vuolo, 33enne di Castellammare di Stabia, accusato di rapina aggravata e detenzione e porto in luogo pubblico illegali di una pistola. Stamattina, i Carabinieri della sezione operativa della Compagnia di Castellammare di Stabia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura guidata dal procuratore Nunzio Fragliasso.

Il 10 luglio scorso, all’interno dell’esercizio commerciale “I Supermercato” di via Santa Maria la Carità a Sant’ Antonio Abate, un uomo – con il volto travisato da una mascherina chirurgica ed armato di una pistola – aveva consumato una rapina facendosi consegnare la somma di 500 euro in contanti da una delle cassiere, dandosi poi alla fuga a bordo di una autovettura con le targhe coperte da nastro adesivo.

Le indagini dei carabinieri stabiesi, coordinate dalla Procura oplontina, sono state condotte anche con la meticolosa analisi dei sistemi di videosorveglianza pubblici e privati, che hanno consentito di identificare proprio in Vuolo l’autore della rapina. Dopo una perquisizione, il 33enne è stato trovato in possesso dello stesso veicolo utilizzato per compiere la rapina. Dopo le formalità di rito, Antonio Vuolo è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione nella periferia di Castellammare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA