Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Santa Maria la Carità, arrestato stalker: insulti e minacce social alla ex

Domenica 7 Agosto 2022 di Dario Sautto
Santa Maria la Carità, arrestato stalker: insulti e minacce social alla ex

Un mese intero di insulti sui social, minacce, appostamenti. Un vero e proprio incubo, che aveva costretto la giovane mamma a cambiare abitudini, a non uscire più. 

Stamattina, i carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della Procura oplontina. In cella è finito il 36enne D.A., accusato di stalking ai danni della sua ex compagna. 

L’attività d’indagine, svolta dai carabinieri della stazione di Gragnano e coordinata dalla Procura di Torre Annunziata, ha consentito di accertare che, nel luglio del 2022, il 36enne avrebbe minacciato e molestato in maniera reiterata l’ex compagna, generando in lei un perdurante e grave stato d’ansia e un fondato timore per la propria incolumità, al punto da costringerla a cambiare le sue abitudini di vita.

Atti persecutori che sarebbero avvenuti attraverso i social network, con l’arrestato che avrebbe utilizzato per contattare la vittima sia con account a lui direttamente riconducibili sia per il tramite di profili fittizi. I social sarebbero stati utilizzati dall’indagato anche per screditare la reputazione dell’ex compagna, condividendo numerose fotografie che la ritraevano, accompagnate da frasi denigratorie. 

Video

Inoltre, in più occasioni, il 36enne avrebbe minacciato la donna sia via social, che presentandosi personalmente presso l’abitazione dei genitori di lei, e avrebbe anche tentato di costringere la vittima a rimettere la querela presentata nei suoi confronti.

D.A. è stato arrestato e accompagnato nella Casa Circondariale di Napoli Poggioreale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA