Napoli, scioperano e il giorno dopo scatta licenziamento: «Una violenza inaccettabile»

di Attilio Iannuzzo

5
  • 107
Scioperano ed il giorno dopo si ritrovano senza lavoro. È accaduto alle addette alle pulizie della ditta Top Cleaning che opera all'interno dell'Holiday Inn a Vulcano Buono. Nel cambio appalto infatti, le scioperanti non sono state inserite nell'elenco delle nuove assunzioni.

«Dopo anni di sfruttamento, - si legge nella nota della Federazione del Sociale Usb - e diritti negati, le lavoratrici di settore hanno deciso di ribellarsi e dire "basta" ai continui ricatti, e scioperare contro la società cooperativa Top Cleaning, con sede a Roma, chiedendo aiuto ed informando, contestualmente, la committente Holiday Inn di quanto avveniva all'interno del proprio albergo». Il sindacato Usb ritiene «inconcepibile che le lavoratrici siano messe per strada da un giorno all'altro, ancora alle dipendenze di una società, la Top Cleaning, lasciandole nel limbo della precarietà e della disperazione assoluta.Una violenza dalla ferocia inaudita in cui tutti, ex appaltatore, committente, nuovo appaltatore e relativo subappaltatore, se ne lavano le mani, a partire dalla prestigiosa struttura alberghiera in cui per anni le lavoratrici hanno operato in modo diligente, senza mai ricevere alcuna contestazione o provvedimento disciplinare».

Le 5 lavoratrici è da giorni che attendono risposte circa il loro futuro, sugli stipendi arretrati non corrisposti, sul TFR e contributi non versati. Un fenomeno quello degli appalti e dei subappalti che non può essere sottovalutato e su cui si chiede di fare piena luce, a cominciare dallo sfruttamento, dal ricatto e dalla violazione subita.
Domenica 17 Marzo 2019, 13:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-03-17 19:48:27
negli ultimi 15anni,diciamo che destra e sinistra ne hanno combinato di tutti i colori sempre a discapito dei piu deboli,,e ce chi li difende ancora,,,poverini ....loro e chi li vota ancora...masochisti!!
2019-03-17 19:22:23
"ex appaltatore, committente, nuovo appaltatore e relativo subappaltatore" si può capire solo che all'ex appaltatore è subentrato un nuovo appaltatore che non opera con personale proprio ma ha subito subappaltato l'oggetto dell'appalto che è vietato. Il nuovo mette solo il nome e prende solo i soldi girandone solo una parte al subappaltatore che farà le pulizie: questo è solo quello che si capisce dall'articolo
2019-03-17 18:43:21
Leggi assurde studiate ad hoc per favorire le industrie in danno dei lavoratori, nel silenzio colpevole dei sindacati, hanno creato il mostro delle Cooperative di Lavoro, agenzie di schiavi in un paese democratico.
2019-03-17 14:23:53
ora ci penserà giggino con il suo BUUUUM!!!!!!
2019-03-17 13:19:05
da girare al piddì con intestazione: "effetti abolizione art. 18", effetti "jobs act".

QUICKMAP