Napoli, protesta all'elementare dei Quartieri: «Vogliamo la nostra scuola». Anni di lavori, riaperta solo in parte

Lunedì 25 Ottobre 2021
Napoli, protesta all'elementare dei Quartieri: «Vogliamo la nostra scuola». Anni di lavori, riaperta solo in parte

Decine di mamme con i loro figli hanno protestato in mattinata davanti all'ingresso della scuola elementare Baracca-Vittorio Emanuele II ai Quartieri Spagnoli che, dopo lavori di ristrutturazione durati quattro anni e costati milioni di euro, ha riaperto solo in parte. «La preside ci deve spiegare - dice una delle mamme presenti al sit-in - cosa manca per riaprire le classi chiuse e per porre fine ai nostri disagi». Da anni circa 150 alunni sono dirottati presso un altro plesso distante dalla sede principale e raggiungibile solo a piedi perché mancano ampie strade di collegamento e mezzi pubblici. «Il paradosso - racconta un altro genitore - è che nella scuola dove ora andiamo sono in corso dei lavori con inevitabili disagi dovuti alla convivenza tra bambini e aree di cantiere».

Gli alunni presenti alla manifestazione hanno indossato magliette con la scritta «Voglio la mia scuola» ed esposto cartelli di appello rivolti alla dirigente scolastica. «Con certezza non sappiamo, e sinceramente non capiamo, le ragioni di questa chiusura. La scuola vista da fuori sembra finita ed ai nostri quesiti non vengono date risposte ne tantomeno ci viene detto quanto manca alla riapertura. Nel frattempo - conclude una mamma - ogni mattina dobbiamo sottoporre i nostri bambini a questa trasferta condividendo il percorso, tra stretti vicoli, con motorini ed auto».

Ultimo aggiornamento: 18:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA