Scuola, web lezioni finite. Prof e allievi di Napoli: «Basta, torniamo in classe»

Giovedì 4 Giugno 2020 di Mariagiovanna Capone

Di questo anno scolastico, così strano, anomalo e complicato, i più penalizzati sono stati gli alunni delle primarie. Non gli resterà nemmeno una foto ricordo, e dell'anno scolastico 2019/2020 rimarrà soltanto un buco nero che ha inghiottito tutti i ricordi. Avranno memoria degli schermi gelidi di un monitor, facce di pixel, voci metalliche e a scatti per la connessione instabile della didattica a distanza. Eppure nessuno, né insegnanti né studenti, ha voglia di riaccendere quei computer a settembre al punto che sono pronte proteste, come quella che propongono Rete Scuola e bambini nell'emergenza Covid-19 e Cobas Scuola Napoli affinché «si celebri l'ultimo giorno di scuola in presenza, in un parco o piazza, con distanziamento e mascherina». Quest'anno sono mancati i contatti umani, con i compagni di classe e i docenti, l'ansia per un'interrogazione a sorpresa, i suggerimenti sussurrati durante il compito di Matematica, le corse all'uscita e quel batticuore per un bacio rubato nei corridoi all'ora di pausa. Sono mancate perfino le aule anguste spesso senza riscaldamento per le quali si faceva sciopero, gli scontri con il dirigente scolastico e le gite scolastiche. Ma più di tutto, a docenti, famiglie e studenti mancherà proprio quest'ultimo giorno di scuola. Le urla di gioia allo squillo della campanella, i gavettoni per salutare la fatica di un anno di studio, le lacrime per chi cambierà scuola. Quest'anno scolastico si chiuderà invece nel peggiore dei modi: con un clic del mouse sull'icona dell'app per la Dad. 

LEGGI ANCHE Azzolina: «La scuola riparte a settembre più forte di prima: tutti i docenti in cattedra»

«C'è stata una campanella di inizio e ci sarà una campanella di fine anno scolastico. Suona da lontano e si sentirà poco. Questo accadrà perché in mezzo c'è stata una campanella che era un segnale d'allarme, che ha portato paura, preoccupazione e, in qualche caso, panico» commenta il dirigente Guglielmo Rispoli dell'Ic Massimo Troisi. «Da fine febbraio a oggi è iniziata un'interruzione che ha lasciato in sospeso le cose più importanti: il contatto visivo, le mani, le voci, i ricordi, gli affetti. La scuola è dentro la vita e la vita, da sempre, è dentro la scuola. E quest'anno è mancata proprio la vita, la socialità». Per il preside «quest'anno che si chiude entrerà nella storia emotiva degli studenti. Nessuno ricorderà il disegno, il tema o la ricerca, ma la vita che non c'è stata. Quella stessa vita che, speriamo, a settembre ricomincerà con gioie e dolori di un luogo imperfetto: la scuola di tutti e di ciascuno».

«L'ultimo giorno di scuola sarà surreale e strano, come lo è stato metà anno scolastico del resto» racconta Gaia P., 15 anni che frequenta il secondo anno al liceo Mercalli. «Mi mancheranno tante cose, come l'uscita di corsa e i gavettoni. Quest'anno ci diremo arrivederci all'anno prossimo attraverso uno schermo e poi più nulla. Sarebbe stato bello poter trascorrere almeno quell'ultimo giorno insieme, perché di quest'anno non voglio ricordare le ore trascorse avanti al computer ma i sorrisi dei miei compagni di classe e la soddisfazione dipinta sui volti dei docenti, che ci sono stati molto vicino in questi mesi durissimi. Spero solo che a settembre non ci riproporranno la Dad perché non è stato affatto facile capire certe lezioni con la connessione discontinua e le voci a scatti». Un'opinione condivisa da Leone C., 17 anni e studente del liceo Genovesi. «Questi ultimi giorni di scuola hanno un sapore dolceamaro» esclama. «La scuola - prosegue - non è solo competenza e informazione, ma rapporto, relazioni tra studenti e insegnanti, cosa che non è possibile se non in presenza. La scuola ha bisogno di aule, corridoi, parole, non degli schermi. Dal primo all'ultimo giorno». Un concetto ribadito da Roberta Moscarelli di Rete Scuola che chiede «un incontro urgente con Regione Campania e Ufficio scolastico regionale affinché si pronuncino chiaramente sulla richiesta da parte di insegnanti, genitori e studenti di poter svolgere una giornata finale in presenza, nel rispetto di tutte le cautele necessarie, in un parco o in una piazza della città. Un momento di saluto finale fondamentale soprattutto per le ultime classi di ciascun ciclo che si possa svolgere il 6 giugno, oppure qualche giorno dopo, basta che si faccia».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA