Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Secondigliano, pestaggio alla cornetteria: denunciato esponente dei Vanella-Grassi

Venerdì 10 Giugno 2022 di Luigi Sabino
Secondigliano, pestaggio alla cornetteria: denunciato esponente dei Vanella-Grassi

È stato identificato e denunciato il responsabile della brutale aggressione avvenuta, alcuni giorni fa, dinanzi a una cornetteria del corso Secondigliano. Si tratta di N. L., classe ’96, soggetto già noto alle forze dell’ordine e, soprattutto, imparentato con alcuni soggetti ritenuti esponenti apicali della Nuova Vanella Grassi, il sodalizio camorristico che fu protagonista della cosiddetta Terza Faida’. 

A dargli un volto sono stati gli uomini della Sezione Investigativa del commissariato Secondigliano, coordinati dal vicequestore aggiunto Raffaele Esposito e dall’ispettore Luca Boccia. Gli agenti, già nelle ore immediatamente successive, avevano avuto notizia dell’accaduto grazie al racconto di alcuni testimoni. Recatisi sul posto, quindi, avevano sequestrato le immagini riprese da un sistema di videosorveglianza grazie alle quali avevano ricostruito l’intera vicenda.

Tuttavia, nonostante gli elementi raccolti, gli investigatori avevano dovuto fare i conti con la ritrosia della stessa vittima che, almeno nelle fasi iniziali dell’attività, ha negato l’accaduto. Tuttavia, a giocare a favore degli agenti, è stato il video ripreso dalle telecamere di sorveglianza che, qualcuno, ha deciso di postare in rete. In poco tempo, le immagini dell’aggressione sono diventate ‘virali’ e hanno cominciato a girare su vari profili social suscitando sdegno e rabbia. Dinanzi all’evidenza, a questo punto, la vittima non ha potuto fare altro che confermare quanto gli era accaduto lo scorso 26 maggio permettendo agli investigatori di chiudere il cerchio intorno all’aggressore che, adesso, risponde dei reati di minacce, percosse ed aggressione.

Video

Particolarmente violento il video del pestaggio. Una brutta storia che inizia poco dopo le 21.50 quando l’occhio della telecamera riprende la vittima, dipendente della cornetteria, seduta su uno sgabello dinanzi al locale. A pochi metri da lui, alcuni clienti che chiacchierano e che non immaginano cosa sta per accadere. Anche l’aggredito è del tutto inconsapevole di quello che sta per capitargli. I primi secondi del filmato, infatti, lo immortalano mentre scambia informazioni con una giovanissima coppia di clienti. Pochi istanti dopo e sulla scena irrompe l’aggressore. Maglietta e pantaloncino nero, un paio di scarpe da ginnastica bianca e fisico corpulento, l’uomo di avvicina alla vittima ma nulla fa prevedere quali siano le sue reali intenzioni.

I due, infatti, scambiano qualche battuta e l’aggressore, anzi, sembra anche divertito visto che in un frame del filmato compare un sorriso sul suo volto. Quella che, però, sembra una pacata discussione si trasforma in un batter d’occhio in un episodio di inaudita violenza. Senza nessun preavviso, infatti, l’aggressore sferro uno schiaffo alla vittima per, poi, tempestarla di colpi. L’uomo, stordito, non è in grado di accennare nessuna reazione e, anzi, viene tirato già dallo sgabello e trascinato all’interno del locale. I due, quindi, scompaiono dalla vista dell’occhio meccanico ma quello che accade dopo, anche grazie alla reazione di alcuni presenti, è facilmente intuibile. Solo quando l’aggressore è allontanato dai presenti finisce l’incubo e, così, anche il video. Il resto lo hanno fatto gli uomini del IV Distretto che hanno identificato il responsabile. Le indagini, tuttavia, non sarebbero ancora chiuse. Non è ancora chiaro, infatti, il movente del pestaggio anche se non si esclude che questo possa essere la conseguenza di un precedente alterco.

Ultimo aggiornamento: 11 Giugno, 09:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA