Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La figlia di Trapanese derisa sulla spiaggia di Scauri, il sindaco: «La nostra comunità sta dalla parte di Alba e Luca»

Mercoledì 25 Maggio 2022 di Giuseppe Mallozzi
La figlia di Trapanese derisa sulla spiaggia di Scauri, il sindaco: «La nostra comunità sta dalla parte di Alba e Luca»

«Uno spiacevole episodio che non ha nulla a che fare con la nostra comunità». Commenta così il sindaco di Minturno e presidente della Provincia di Latina Gerardo Stefanelli quanto accaduto qualche giorno fa sulla spiaggia di Scauri. L'episodio in questione è stato denunciato da Luca Trapanese, assessore al welfare del Comune di Napoli, che da diversi anni passa le proprie vacanze proprio nel Comune di Minturno. Nel 2017 ha adottato nel 2017 la piccola Alba, affetta dalla Sindrome di Down, dopo che era stata rifiutata da sette famiglie.

Bimba con sindrome di Down derisa in spiagga, il papà Luca Trapanese: «Le hanno detto "malata" e "brutta"»

«Qualche giorno - racconta Trapanese dal proprio profilo Facebook - fa ero al mare con Alba. Giocavamo alle giostre in spiaggia. Si è avvicinato un bimbo e, senza minimi termini, mi ha detto che secondo la sua mamma Alba è malata e anche brutta. Sono rimasto di pietra, non sapevo nemmeno cosa rispondere, perché mia figlia non è malata e la sua disabilità non la invalida dell'essere una bambina felice, oltre ad essere oggettivamente bella. Quel bimbo, grazie alla sua mamma, rappresenta una parte della società ostile alla diversità, indifferente al dolore, incentrato sul raggiungimento di una perfezione che non esiste. Poi lunedì pomeriggio mi arriva questa foto di Alba con Arturo, un suo compagno di classe con questo messaggio: "Grazie a te e ad Alba...lei riesce a sfiorargli le mani...e il cuore". Bisognerebbe iniziare a costruire una società nella quale i figli non vengano visti come una proprietà o augurare che siano i primi ed i migliori. Bisognerebbe iniziare a ragionare sul bene comune, partire dall'idea che sono tutti figli nostri, nonostante le diversità, e che ognuno di loro ha diritto alla felicità e non al primato di "migliore". Bisognerebbe costruire una società incentrata sull'idea del "villaggio" dove le ricchezze, le gioie, i problemi, le difficoltà si condividono ed i figli diventano di un'intera Comunità. Certo è che posso rendere Alba la bambina più abile del mondo, le posso garantire le migliori terapiste, posso cercare per lei la scuola più preparata, ma se non sarà accolta dalla società come una persona e non come una handicappata il mio lavoro è stato del tutto inutile. Grazie Arturo perché con questa foto mi hai ridato la speranza che avevo perso qualche giorno fa».

Il sindaco Stefanelli ha subito chiamato Trapanese, legato da un sincero rapporto di amicizia, rattristato da quanto accaduto ma al tempo stesso spiegando che non si tratta di una intera comunità ma di un episodio spiacevole ma isolato. «Alba e Luca - spiega il primo cittadino - sono sempre stati i benvenuti sulla spiaggia di Scauri e nella città di Minturno. Tanto è vero che, dopo tanti anni di vacanze, Luca ha deciso di acquistare un immobile qui per trascorrere stabilmente tutti i momenti di relax nella nostra comunità, a testimonianza che Alba e Luca sanno che la nostra è una città accogliente, disponibile, e che la nostra amministrazione ha investito molto sull'accrescimento della sensibilità nei confronti delle persone con disabilità. Tra l'altro, per il secondo anno consecutivo è stata riconosciuta alla città di Minturno la Bandiera Lilla. Ho un rapporto diretto e personale con Luca, che ho già sentito, il quale mi ha anche chiesto di non dissociarmi dalla mia comunità perché lui sa benissimo che la nostra comunità è cosa diversa rispetto all'episodio spiacevole che gli è accaduto e, come lui stesso ha sottolineato, può accadere ovunque. Detto questo - conclude Stefanelli - proprio questa mattina ci siamo sentiti e abbiamo deciso di presentare insieme a metà luglio, presso lo stabilimento balneare che frequentiamo insieme, il Lido Sirene, i libri della piccola Alba, visto che già lo scorso anno avevano presentato una fatica letteraria di Luca Trapanese. Ripeteremo l'esperienza questa estate».

Ultimo aggiornamento: 14:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA