Sommese, la difesa punta all'appello

Il professor Maiello, avvocato dell'ex assessore: confutati gli argomenti dell'accusa

Sommese, la difesa punta all'appello
di Leandro Del Gaudio
Giovedì 23 Novembre 2023, 20:41 - Ultimo agg. 20:48
2 Minuti di Lettura

«La condanna in primo grado dell’onorevole Pasquale Sommese ci ha colto di sorpresa. Gli argomenti dell’accusa sono stati tutti confutati dall’istruttoria dibattimentale, sicchè la tesi dell’Ufficio di Procura aveva evidenziato una insuperabile contrarietà ai fatti e alle prove. Di qui la convinzione che ci fa confidare che la Corte d’Appello saprà riaffermare verità e giustizia, dichiarando l’estraneità dell’assessore Sommese ad ogni contesto di relazioni affaristiche illecite».

E' questa la dichiarazione del professor Vincenzo Maiello, difensore dell'ex assessore Sommese, ora più che mai determinato ad andare avanti, ovviamente all'indomani del deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado.

Parliamo di una vicenda che ha rappresentato qualche anno fa una sorta di terremoto giudiziario. Tutto ha inizio dalle intercettazioni ricavate da un virus spia (l'ormai famigerato trojan) inoculato sul cellulare di uno degli imprenditori al centro delle trame investigative.

Una storia conosciuta come appaltopoli, sulla scorta delle tante procedure amministrative tra Napoli e Caserta finite al centro dell'inchiesta, che - dopo alcune condanne maturate in primo grado - attende un probabile verdetto in appello. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA