Rissa choc in Erasmus a Cadice: ecco i nomi dei quattro italiani arrestati

ARTICOLI CORRELATI
di Valentino Di Giacomo

  • 2326
Hanno dai 21 ai 28 anni i quattro ragazzi italiani protagonisti della rissa a Cadice. I giovani in queste ore sono stati ascoltati dalle autorità locali e gli interrogatori continueranno nel corso della giornata. 

Il più grande dei quattro è il napoletano Emilio Di Puorto che il prossimo giugno compirá 29 anni. Gli altri tre sono: Dario Bordoni (24 anni), Luca Maicon Vinicius Bellavia (22 anni) e il campano Nicola Iannetta (21 anni compiuti solo pochi giorni fa). 
 

La situazione é attentamente monitorata dall’Italia con un ufficiale di collegamento del Servizio di Cooperazione Internazionale della polizia che in queste ore sta collaborando con la polizia spagnola per offrire tutta l’assistenza del caso per le indagini. Al vaglio c’è soprattutto il video girato da uno degli addetti alla sicurezza della discoteca Momart Club all’esterno della quale si é svolta la rissa. Tafferugli scoppiati - secondo le primissime ricostruzioni - anche a causa dei troppi drink bevuti, i giovani sarebbero infatti risultati tutti in stato di ubriachezza. 

Al momento c’è massimo riserbo da parte delle autorità spagnole che non hanno chiarito chi dei quattro ragazzi ha sferrato il calcio sulla testa del ragazzo spagnolo che ora é in ospedale in coma farmacologico. 

Da quanto emerge - secondo l’esperienza dei poliziotti italiani dello Scip (Servizio di Cooperazione Internazionale di polizia) - dei quattro ragazzi che hanno partecipato alla rissa, in tre potrebbero far rientro in Italia nei prossimi giorni dopo aver fornito la propria testimonianza, più complessa la posizione del quarto, colui che ha scagliato il calcio, per il quale sarà più complesso lasciare Cadice e che potrebbe essere messo in stato di arresto già nelle prossime ore con l’accusa di tentato omicidio colposo. 

Sono stati ascoltati dalla magistratura spagnola i quattro italiani fermati dalla polizia spagnola. Gli studenti sono stati incastrati dal filmato girato da uno degli addetti alla sicurezza, attualmente al vaglio degli inquirenti spagnoli. Il pestaggio nei confronti di un trentenne spagnolo è iniziato all'interno del locale Momart, molto noto nella movida di Cadice, e poi proseguito all'esterno. In breve tempo si è passati dalle parole ai fatti e ad avere la peggio è stato un giovane che si trova attualmente in coma dopo aver ricevuto un violento calcio in testa che gli ha fatto perdere i sensi.

Da quanto emerge dei quattro ragazzi che hanno partecipato alla rissa, in tre potrebbero far rientro in Italia nei prossimi giorni dopo aver fornito la propria testimonianza, più grave  la posizione del quarto, colui che ha scagliato il calcio, per il quale sarà più complesso lasciare Cadice e che potrebbe essere messo in stato di arresto già nelle prossime ore con l'accusa di tentato omicidio. 
Domenica 26 Maggio 2019, 13:37 - Ultimo aggiornamento: 26-05-2019 18:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP