Torre Annunziata, torna la paura: spari davanti a un bar, illeso l'obiettivo dell'agguato

Domenica 19 Settembre 2021 di Dario Sautto
Torre Annunziata, torna la paura: spari davanti a un bar, illeso l'obiettivo dell'agguato

Sparatoria all’esterno di un bar, probabilmente nel tentativo, fallito, di colpire un elemento di spicco del clan Limelli-Vangone di Boscotrecase. Ancora colpi di pistola a Torre Annunziata, a una settimana dal doppio raid che ha causato un ferito grave e un morto. Stavolta è accaduto in periferia, in via Sepolcri, strada che segna il confine con Boscoreale e Boscotrecase, lì a due passi dalla roccaforte del clan Limelli-Vangone, dove si incontrano le rotte dello spaccio di droga. In uno dei locali solitamente frequentati da pregiudicati della zona, un uomo si è fermato con lo scooter, ha discusso con alcune persone e poi ha esploso un unico colpo di pistola contro un’auto parcheggiata in strada, proprio all’esterno di quel bar, prima di darsi alla fuga. Sul posto sono immediatamente intervenuti i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata che, agli ordini del maggiore Simone Rinaldi, hanno avviato le indagini. Ascoltati i presenti e acquisiti alcuni filmati delle telecamere presenti in zona. 

Diversi sono gli elementi ancora poco chiari, a partire dalla dinamica, che non ricorda un agguato di camorra, ma più che altro un atto intimidatorio. Difficile che si trattasse di un agguato, dunque, anche perché il «bersaglio grosso» era lì alla portata di chi ha sparato ed è rimasto illeso. Potrebbe trattarsi piuttosto di un avvertimento a chi era in compagnia di quell’esponente della famiglia Vangone, ma i motivi sono al momento al vaglio degli investigatori. Presenti sul posto diversi pregiudicati, che sono stati ascoltati come persone informate sui fatti. Le prime testimonianze, come sempre accade in questi casi a Torre Annunziata, non sono servite a far luce immediatamente sulla sparatoria, ma hanno offerto un quadro generale di tutta la vicenda.

Video

Le indagini, però, ovviamente non si fermano. Informate sia la Procura di Torre Annunziata che la Direzione distrettuale Antimafia, al momento l’inchiesta è coordinata dagli uffici inquirenti oplontini. Già è stato identificato l’uomo che ha sparato: si tratta di un pregiudicato, che sarà ascoltato nelle prossime ore in caserma. Non si tratterebbe di fatti di camorra, ma di una vicenda che lambisce quegli ambienti. Da chiarire, inoltre, il ruolo di alcuni affiliati al clan Limelli-Vangone e in particolare di un elemento di spicco della cosca, che potrebbe aver provato ad affrontare chi ha sparato. Di sicuro si tratta di un episodio che non ha nulla a che vedere con i due agguati avvenuti sabato e domenica scorsi a Torre Annunziata, dove è stato prima ferito l’affiliato al clan Gionta Michele Guarro, poi è stato ucciso davanti ad una chiesa il 35enne Francesco Immobile. E tuttavia quello sparo, esploso mentre in un’altra parte della città era in corso una maratona in ricordo di Maurizio Cerrato, ucciso 5 mesi fa per un parcheggio, getta ancora nello sconforto quanti tentano di tirare la città fuori dal baratro.

Ultimo aggiornamento: 21 Settembre, 07:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA