Stese, Napoli in ostaggio: due clan seminano la paura

ARTICOLI CORRELATI
di Leandro Del Gaudio

6
  • 312
Sparano nelle case, perché vogliono le case. Vogliono cacciare i nemici o semplicemente i più deboli, in quella drammatica guerra di posizione tutta interna al rione Sanità che vede recitare un ruolo attivo (a seconda dei momenti) almeno sette nuclei familiari. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 23 Luglio 2019, 23:00 - Ultimo aggiornamento: 24 Luglio, 12:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-07-24 11:43:05
Quà se la prendono con il capitano , ma come si fà a sconfiggere un male che dura da secoli vi è un modo di fare camorristico che si respira ovunque in questa città che và dalle moto parcheggiate sui marciapiedi alle cartacce buttate a terra o a parlare ad alta voce o a esporre la merce fuori dai negozi e starei fino a domani a scrivere tutto un modo di fare che ha lo scopo di prevaricare sugli altri, la stesa poi è il culmine finale di questo modo di vivere dove tutto è permesso a discapito delle persone che si comportano in modo onesto e civile, in poche parole chi ha la possibilità e come diceva il grande de Filippo, FUITVENN
2019-07-24 13:23:47
Esatto. E' da notare come tutti questi grandi artisti napoletani,a parole innamoratissimi della città,avevano pensato bene di mettere le tende altrove.Pino Daniele addirittura a Orbetello. Lasciava che le tante ''carte sporche'' di Napoli se le godesse chi restava qui. Lui preferiva starne ben lontano,grazie tante.
2019-07-23 23:17:59
Questa è Napoli,prendere o lasciare.Molto meglio lasciare,potendo.Puo' salvarti la pellaccia.
2019-07-23 23:13:49
Li conoscono tutti, uno per uno. Manca la volontà.
2019-07-24 10:58:53
Bravo! E il "Capitano" che dovrebbe garantire la sicurezza cosa fa? Va a fare comizi e propaganda elettorale sulla pelle di bambini! E' facile essere forte con i deboli ma incapace con i forti.

QUICKMAP