Strage del bus, la sopravvissuta: «Che rabbia, la mia bambina a stento riesce a camminare»

ARTICOLI CORRELATI
di Nello Mazzone

0
  • 759
POZZUOLI «È assurdo e intollerabile che sia stato assolto l'ad di Autostrade Giovanni Castellucci, nel processo per la più grande tragedia stradale italiana. Io c'ero su quel pullman e ho visto morire i miei genitori e i miei zii, mentre mio marito è finito in coma per giorni, mio figlio sotto choc e mia figlia di 3 anni da allora porta i segni della tetraparesi spastica. Hanno distrutto il presente e il futuro della mia vita, ma la giustizia li ha assolti». Annalisa Caiazzo, 37enne di Pozzuoli sopravvissuta insieme ad altre 7 persone alla tragedia di Monteforte Irpino, è un fiume in piena. Di rabbia. Di dolore. Di delusione.
 

Annalisa, lei ha definito la sentenza una decisione «intollerabile». Perché?
«La procura aveva chiesto una condanna a 10 anni per l'ad di Autostrade. Mi sembrava una pena lieve per le tante vite spezzate, ma almeno utile ad aumentare la sicurezza sulle nostre strade, sulle quali ogni giorno viaggiano milioni di persone. Come quei poveri morti del ponte Morandi di Genova. Invece è arrivata l'assoluzione».

Perché ha pensato ai morti di Genova?
«Con il crollo del ponte Morandi ho rivisto il mio incubo. Mi rivolgo ai parenti di quelle vittime e li imploro di non abbassare la testa davanti alle offerte di risarcimento economico di Autostrade. Io ho dovuto accettare quei maledetti soldi solo perché servono per la sopravvivenza di mia figlia, altrimenti avrei rifiutato».

Quando il giudice Buono ha letto la sentenza di assoluzione, cosa ha pensato?
«Non ce l'ho fatta a restare in Aula. Ho avuto chiaro il senso di impunità che è quasi peggio del dolore subito. Avrei voluto spaccare tutto, ma poi ho pensato che le mani mi servono integre per accudire mia figlia».

Come sta sua figlia?
«Francesca è una miracolata, che porterà per tutta la vita sul proprio corpo i segni di quel tragico incidente. Da 5 anni si sottopone a continue e costosissime terapie. Prima al Santobono di Napoli, poi in una clinica di Lecco e ora al centro internazionale Adeli di Bratislava, in Slovacchia. Adesso riesce a stento a camminare da sola, ma ha ancora molti deficit cognitivi che ne rallentano la parola. Porta un catetere dietro la schiena per evitare l'irrigidimento della colonna vertebrale e la sua calotta cranica per metà è stata ricostruita con la ceramica, ma lei è una leonessa indomita».

Uno strazio che va avanti dal 2013.
«Francesca era una bambina sanissima. In pochi minuti è cambiata la sua e la mia vita. Cerco di evitare ogni riferimento a quella giornata, ma lei fino a qualche tempo fa ripeteva sempre la stessa frase: pullman, bum bum. Pullman, bum bum, perché nei suoi ricordi di bimba, quella tragedia viene ricordata così. Ogni volta è un pugno allo stomaco per me».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 12 Gennaio 2019, 09:06 - Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio, 09:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP