Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mafia, cerimonia a Napoli per non dimenticare la strage di via Palestro

Venerdì 5 Agosto 2022
Mafia, cerimonia a Napoli per non dimenticare la strage di via Palestro

Sono trascorsi circa ventinove anni dalla strage di via Palestro, ma ancor oggi il comitato “per non dimenticare”, nato nel 1993, mantiene sempre vivo il ricordo di valorosi uomini che persero la vita nell’adempiere al loro dovere di servizio nella lotta contro la mafia.

Il 27 luglio 2022 alle ore 23:14 il comitato ha infatti celebrato la rievocazione della strage; il suono delle sirene che come ogni anno dall’accaduto ricorda gli uomini del corpo dei vigili del fuoco e della polizia municipale di Milano caduti nella tragedia. Restano vivi nella memoria del tempo e di quanti li commemorano per il loro valore civile ed umano: Alessandro, Carlo, Sergio, Stefano e Driss.

Nicola Perna presidente dell’associazione “Vvf Carlo La Catena” valorizza con le sue iniziative il significato morale e civile delle attività dei vigili del fuoco. Quest’anno proposto dall’associazione e decretato dal dipartimento è stato un minuto di raccoglimento a ricordare per la seconda volta tutte le vittime del dovere e della storia del corpo nazionale dei vigili del fuoco. E mentre in tutte le direzioni ed in tutti i distaccamenti dei Vvf d’Italia nel giorno 27 luglio alle ore 12:00 si è svolto un minuto di raccoglimento in contemporanea allo stesso orario si è tenuta un’altra cerimonia: la commemorazione presso la tomba del Vigile del fuoco Carlo La Catena vittima della strage di via Palestro. Durante la cerimonia di commemorazione il caporeparto ha omaggiato Passero Salvatore che ha tenuto a consegnare il suo elmo alla sorella dell’eroe Raffaela La Catena dichiarando: «Oggi Carlo sarebbe un caporeparto come me, è giusto che abbia l’elmo rosso che distingue il nostro ruolo negli interventi».

Ultimo aggiornamento: 6 Agosto, 17:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA