Striscia, Luca Abete e il suo cameraman aggrediti a Napoli: «Vi rompo tutto»

Lunedì 22 Novembre 2021 di Ida Di Grazia
Striscia: Luca Abete e il suo cameraman aggrediti nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli

Striscia:​ Luca Abete e il suo cameraman aggrediti nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli. La troupe del Tg satirico era andata nella periferia Est della città per documentare una vendita illecita di veicoli - soprattutto a clandestini -  senza regolare passaggio di proprietà. 

Questa sera su Canale 5 a Striscia la notizia andrà in onda il filmato completo dell’aggressione subita venerdì scorso da Luca Abete (credit foto uff. stampa Striscia) e il suo cameraman nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli.

Boom di furti sulle auto in sosta, il caso finisce a «Striscia»

«Io te la do senza passaggio di proprietà. Se ti serve una macchina non ti preoccupare, il documento lo metto io», dice il “venditore” a un attore del Tg satirico che si mostra interessato all’acquisto. Auto che dovranno però circolare senza assicurazione. «Se c’è un posto di blocco ti sequestrano la macchina. A me però non interessa. Faccio questo lavoro da otto anni e vendo auto agli zingari e in tutto il mondo», assicura il venditore.

 

Quando Luca Abete va a chiedere spiegazioni, viene minacciato insieme alla sua troupe: «Andatevene! Spegnete le telecamere! Ma ti credi che abbia paura? Io vi rompo tutto! Mamma, prendi un momento la macchina. Li schiatto a terra!». Poi il cameraman viene inseguito e costretto a fuggire. Solo il tempestivo intervento della polizia ha evitato che la situazione degenerasse.

Ultimo aggiornamento: 21:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA