Stuprarono una 12enne, scarcerati
3 imputati minorenni: è polemica

di Dario Sautto

  • 1430
«Sono sinceramente dispiaciuti per l'accaduto». Così, nel giro di un mese, hanno tutti quanti lasciato il carcere minorile e sono stati affidati a tre comunità per il recupero dei minorenni che incappano in «pericolosi» incidenti di percorso. Loro sono i tre ragazzini di Castellammare che, in gruppo, hanno violentato una 12enne di Gragnano all'interno dello stabilimento delle Terme, oggi abbandonato.

IL PROFILO
Hanno tra i 14 e i 16 anni, due di loro i primi a lasciare il penitenziario minorile a inizio agosto sono imparentati con elementi di spicco del clan D'Alessandro; il terzo, il più piccolo, era il fidanzatino della vittima ed è stato scarcerato solo venerdì, perché su di lui gravano anche le accuse di estorsione e diffusione di materiale pedopornografico. Uno di loro vuole tornare a lavorare in pizzeria, gli altri a studiare. Sono rimasti in carcere tra i due e i tre mesi, ma «sono pentiti per quanto fatto» e hanno avuto una buona condotta. Dunque, in attesa del processo fissato a novembre con rito abbreviato e richiesta di messa alla prova potranno attendere l'udienza in un regime detentivo meno afflittivo. Decisive, per la scarcerazione, sono state le istanze presentate dagli avvocati Gennaro Somma (per i primi due) e Antonio de Martino (per il terzo), accolte in omenti differenti per la diversità dei capi d'imputazione contestati ai giovanissimi stupratori.

LA VICENDA
Il 28 aprile, i tre riescono ad attirare in una trappola la ragazzina, portandola di forza all'interno delle Terme. Poi, in gruppo abusano di lei e riprendono la scena della violenza sessuale con i cellulari. Dopo tre settimane, qualche minaccia e altre richieste di incontri, la ragazzina si confida con un'amica, un'insegnante e poi con la mamma, infine denuncia tutto alla polizia. In meno di due settimane, i poliziotti sequestrano i cellulari degli stupratori, trovano i video e arrestano i tre ragazzini. Da inizio giugno, tra interrogatori e incidente probatorio, i tre ragazzini hanno confessato e si sono pentiti dell'accaduto. La confessione dei reati e il comportamento considerato «impeccabile» dagli operatori del carcere, poi, hanno permesso di accelerare i tempi per la scarcerazione.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 9 Settembre 2018, 11:01 - Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 13:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP