Tari, caos nel Napoletano: «Bollette inviate anche alle persone morte 22 anni fa»

Venerdì 4 Dicembre 2020 di Ferdinando Bocchetti

La tassa sui rifiuti recapitata anche ai cittadini defunti oltre 20 anni fa. Accade a Marano, dove l'ente cittadino sta inviando nelle case dei contribuenti le richieste per i pagamenti dell'annualità 2020. Molti contribuenti hanno segnalato svariate anomalie. La più clamorosa riguarda l'invio delle bollette a un uomo deceduto oltre 20 anni fa.

LEGGI ANCHE Tari, ecco chi paga di più da Nord a Sud: in testa la Campania

«La lettera era all'interno della mia casella postale - spiega Giuseppe, residente in un condominio di via Parrocchia - La persona che cercavano, il signor Tommaso Stellato, è passato a miglior vita 22 anni fa. Viveva nel palazzo dove risiedo anch'io». Altri cittadini, trasferitisi in altre regioni, lamentano uguale sorte. «Non risiediamo più a Marano da tanti anni, ma continuano ad inviarci bollette per le annualità in corso».

Ultimo aggiornamento: 19:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA