Tartarughe caretta caretta, la Campania tra le mete preferite per fare il nido dopo Calabria e Sicilia

Tartarughe caretta caretta, la Campania tra le mete preferite per fare il nido dopo Calabria e Sicilia
Venerdì 14 Ottobre 2022, 14:49
2 Minuti di Lettura

La Campania è una delle mete preferite da mamma tartaruga. Le regioni del sud Italia, infatti, si riconfermano i luoghi prediletti dalle tartarughe caretta caretta per fare il nido.

Il bilancio della stagione di nidificazione vede la Campania al terzo posto dopo Calabria e Sicilia. Questo tipo di tartaruga, dal suo inconfondibile guscio marrone e dalla pelle squamata giallognola, è la specie più diffusa nel Mediterraneo.

Secondo i dati di Tartapedia, l'ultimo aggiornamento risalente alla fine dello scorso mese di settembre, parla di 126 nidi rinvenuti dall'insieme delle associazioni in campo per la ricerca, il monitoraggio e la messa in sicurezza dei nidi sugli arenili italiani.

La campagna Tartawatchers di Legambiente, dopo il successo dello scorso anno, era stata riavviata all'inizio della stagione estiva con cui coincide l'avvio della stagione delle nidificazioni: più di 250 volontari hanno abbracciato la causa di Legambiente dedicando il loro tempo libero alla ricerca di tracce di mamma tartaruga sulla sabbia, a mettere in sicurezza i nidi individuati e a proteggerli fino alla schiusa dei tartarughini.

Secondo la classifica, il luogo con maggiori avvistamenti è la Calabria dove sono stati scoperti e messi in sicurezza ben 39 nidi, a seguire la Sicilia con 35 nidi, la Campania con 25 siti di ovodeposizione registrati e infine la Puglia con 14. La sempre più frequente presenza di questa tartaruga di mare è dovuta all'aumento delle temperature a causa del cambiamento climatico. L'aumento del trend era partito dal 2020 quando erano stati individuati durante l'estate 250 nidi. Nell'estate 2021,invece, ben 256 nidi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA