Tentano di rubare auto del parroco, messi in fuga dai residenti

Giovedì 5 Luglio 2018 di Elena Petruccelli
Tentano di rubare auto del parroco, messi in fuga dai residenti

La foto di un finestrino rotto e un video dove, sequenza dopo sequenza, si riprende il tentativo di rubare le auto parcheggiate nella via adiacente alla parrocchia. Siamo a Casoria, nel quartiere Stella, che prende nome dalla chiesa Santa Maria della Stella: qui da circa un ventennio è don Carmine Basile che si occupa dei suoi fedeli. Nella notte, intorno alle 3.30 il tentato furto, e tra le auto c'è anche quella di don Carmine, come scrive in un post pubblicato sulla sua bacheca Facebook: «Mi dicevano degli amici vicini che nelle notti passate è capitato anche a loro. Il nostro territorio è abbandonato dalle istituzioni e i padroni della notte sono i malviventi».  Alcuni residenti si accorgono del raid, dal rumore del vetro del finestrino caduto in mille pezzi, così decidono di riprendere la scena con un cellulare. Intanto sempre più cittadini si svegliano e accendono le luci, si affacciano alle finestre. I ladri si accorgono di essere stati scoperti e fuggono via. 

Nel suo post il parroco inoltre pone l'accento sui disagi del quartiere che coinvolgono anche i più piccoli, descrivendo l'incontro con un ragazzino che gli mostra un tirapugni per difendersi dalle rapine nel sottopassaggio presente in zona. All'invito di farsi consegnare l'arma il piccolo scappa via, insieme agli altri amici, spiega nel suo post don Carmine: «La nostra parrocchia Santa Maria della Stella a Casoria, con tanti amici è aperta a creare momenti di aggregazioni ma mancano strutture...e anche nel quartiere non c'è uno spazio verde, una struttura pubblica, un centro polifunzionale...chi ha la responsabilità politica e legale dorme e nel frattempo la vita diventa difficile e le persone si perdono...e si cade nel degrado...».

Dalla parrocchia del quartiere si evidenzia la distanza dal centro, per servizi e vita sociale: "Per le istituzioni, civili e religiose Casoria si ferma al centro storico...lì ci sono feste, lì ci sono attenzioni e cura....lì ci sono le luminarie, lì la pro loco fa belle iniziative,  mentre la nostra gente in periferia  vive nel degrado senza un vero sviluppo integrale...sperando che laddove sorgevano le fabbriche potessero sorgere luoghi di aiuto e di gioia per i cittadini...Non lasciamoci rubare la speranza...». Elena Petruccelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA