Blitz in Terra dei fuochi: sequestri
e denunce tra Caserta e Napoli

Venerdì 4 Dicembre 2020

Un «action day», ovvero un'operazione di controllo e repressione di crimini contro l'ambiente, è stato effettuato dalle forze dell'ordine in tre comuni rientranti nella Terra dei Fuochi, ovvero a Napoli (area San Giovanni-Barra) e nel centro dell'hinterland di Cercola, e a Marcianise, nel Casertano.

LEGGI ANCHE Biodigestore nell'area industriale di Aversa Nord, no dei Comuni

Due le aziende sequestrate (su sette controllate) e cinque le persone denunciate per reati di abbandono e gestione illecita di rifiuti. A Barra è stato scoperto, fra l'altro, un capannone abusivo di grandi dimensioni interamente occupato da 900 metri cubi di rifiuti plastici e residui di lavorazione di tessuti. 

L'operazione è stata coordinata dalla prefettura di Napoli con la prefettura di Caserta in base alla programmazione definita dall'Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania, nell'ambito della Cabina di regia «Terra dei Fuochi». In azione 48 equipaggi per un totale di 118 unità appartenenti al Raggruppamento Campania dell'Esercito, alla Polizia di Stato, all'Arma dei Carabinieri e alla Guardia di Finanza, alle polizie locali dei comuni coinvolti, ai Vigili del Fuoco e al personale dell'Arpac. 

Ultimo aggiornamento: 19:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA