Due gemellini morti poco prima del parto: ginecologo condannato a Torre Annunziata

Sabato 26 Giugno 2021 di Dario Sautto
Due gemellini morti poco prima del parto: ginecologo condannato a Torre Annunziata

Giovanna e Vincenzo erano in attesa dei loro gemellini, ma un errore medico ha stabilito il tribunale causò la morte dei feti pochi giorni prima della nascita. La gioia per l'arrivo dei due bambini si trasformò nel dolore per la loro perdita. Con l'accusa di duplice aborto colposo, è stato condannato a otto mesi di reclusione (pena sospesa) il ginecologo Luigi Mammola, con studio a Sant'Antonio Abate e Torre Annunziata, e collaborazioni con una clinica privata di Torre del Greco. Il noto specialista è stato coinvolto di recente anche in una storia di certificati medici falsi firmati alla nuora di Umberto Onda, uno dei killer più spietati del clan Gionta tuttora detenuto al 41bis per scontare diversi ergastoli, per permettere a lei e alle sorelle di ottenere permessi non dovuti durante la detenzione ai domiciliari. 

La tragedia per i due coniugi di Torre Annunziata si consumò a giugno di quattro anni fa, quando Giovanna fu costretta ad un ricovero d'urgenza e scoprì che il cuoricino dei suoi gemellini Felice e Luigi aveva smesso di battere. Una settimana prima era il 29 maggio 2017, hanno ricostruito le indagini coordinate dalla Procura di Torre Annunziata lo stesso ginecologo aveva diagnosticato «la restrizione della crescita e non inviò la paziente in sala parto». In pratica, il dottor Mammola «nel seguire la gravidanza a rischio, non provvide a un parto prematuro indotto». Un errore medico, insomma, commesso per «negligenza, imprudenza ed imperizia» secondo il pubblico ministero, che ha chiesto e ottenuto la condanna del ginecologo. Il giudice del tribunale oplontino Adele Marano ha disposto anche il pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva da 20mila euro ciascuno per Vincenzo e Giovanna, costituiti parte civile al processo con l'avvocato Michele Riggi. 

«La sentenza - afferma l'avvocato Riggi - rappresenta il sacrosanto epilogo processuale di una vicenda che ha visto la morte dei due fratelli gemelli Felice e Luigi che nei giorni scorsi avrebbero compiuto 4 anni. Nulla, tuttavia, potrà mai restituire all'affetto di Giovanna e Vincenzo la gioia della loro prima gravidanza, annientata dalla gravissima negligenza professionale di un ginecologo a cui improvvidamente le parti offese si erano affidate. Ma la cosa che più di ogni altra sconcerta attacca il legale di Giovanna e Vincenzo è la mancanza di qualsiasi sentimento di umana solidarietà dell'imputato Mammola, autore di una bruttissima pagina per il mondo della medicina, nei confronti degli sfortunati genitori». Tra novanta giorni si conosceranno le motivazioni della decisione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA