Operaio di Torre Annunziata morto a causa dell'amianto, arriva il risarcimento per la famiglia dall'Inail

Operaio di Torre Annunziata morto a causa dell'amianto, arriva il risarcimento per la famiglia dall'Inail
Martedì 20 Settembre 2022, 11:46
3 Minuti di Lettura

Il giudice Beatrice Marrani del Tribunale di Velletri ha condannato l'Inail a riconoscere l'indennizzo da malattia professionale agli eredi di Giovanni Panariello, operaio di Torre Annunziata morto per mesotelioma dopo essere stato esposto ad amianto.

Lo rende noto, in un comunicato, l'Osservatorio Nazionale Amianto. Alla vedova saranno versati circa 110mila euro di arretrati, compreso il fondo vittime amianto, e una rendita mensile di circa 2mila euro al mese. Panariello che ha lavorato presso diverse ditte, tra cui l'Avis di Castellamare di Stabia, in particolare ha svolto attività di commercio e pulizia dei materiali di scarto tra cui la scoibentazione dell'amianto presente nelle carrozze ferroviarie. Nel febbraio 2017 è arrivata la terribile diagnosi e l'uomo è morto a soli 66 anni nel dicembre dello stesso anno. L'Inail, che eppure aveva riconosciuto all'uomo la malattia professionale, contestava non solo il nesso causale tra il decesso avvenuto per amianto e l'attività lavorativa, ma la stessa esposizione all'asbesto.

L'uomo, oltretutto era stato collocato in pensione nel gennaio 2010 usufruendo dei benefici previdenziali di legge per esposizione all'amianto con la certificazione della stessa Inps che ha rilevato: «è stata riconosciuta l'esposizione all'amianto per 666 settimane comprese nel periodo dal 11 febbraio 1978 al 16 settembre 1991».

«L'Inail ha negato l'evidenza e le sue stesse conclusioni - ha commentato il presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto, l'avvocato Ezio Bonanni - evitando per l'ennesima volta di riconoscere i diritti degli eredi di una vittima amianto. Un uomo che ha lavorato tutta la vita per poter sostenere la sua famiglia e che si è ammalato proprio di mesotelioma, una patologia gravissima che lo ha portato via in meno di un anno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA