Fa riesumare il corpo della madre e lo «venera» in casa: prete indagato nel Napoletano

di Dario Sautto

1
  • 466
Fa esumare il corpo della madre, poi crea un altare e lo conserva lì, ancora in decomposizione, dietro una teca trasparente, adornata di oggetti preziosi e fiori. Un modo decisamente inquietante oltre che del tutto fuorilegge, per omaggiarla tutti i giorni dopo che lei gli aveva dedicato la vita. Una storia in bilico tra devozione e mistero, sacro e profano, mistico e macabro, che vede come protagonista un sacerdote. Il rituale ai confini dell'esoterismo arriva da Torre Annunziata, dove i poliziotti del commissariato oplontino hanno scoperto quasi per caso l'inconsueto altare custodito in una proprietà di don Franco Gallo, parroco della chiesa di Sant'Alfonso de' Liguori, ora indagato a piede libero per una serie di reati connessi all'esumazione anticipata e alla sottrazione del cadavere dal cimitero oplontino.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 6 Gennaio 2019, 08:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-06 10:15:40
Ma quale casa, il cadavere era posizionato nella Cappella del CIMITERO. Verificate prima di infangare una persona.

QUICKMAP