Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Da Torre del Greco 7 quintali di alimenti per gli animali domestici in fuga dalla guerra in Ucraina

Sabato 2 Aprile 2022 di Aniello Sammarco
Da Torre del Greco 7 quintali di alimenti per gli animali domestici in fuga dalla guerra in Ucraina

Non solo emergenza umanitaria. La guerra in Ucraina sta portando in Italia tanti animali domestici, che accompagnano i loro padroni nella lunga traversata per fuggire dalle zone devastate dal conflitto bellico. E come sta accadendo per i bambini e gli adulti che stanno raggiungendo le nostre zone, i volontari si sono mobilitati anche per dare ristoro ai cani e ai gatti che arrivano in Campania.

Per questo motivo nei giorni scorsi l’associazione Torre Vesuvio-Pro Natura, insieme ad altre realtà di Torre del Greco, ha promosso una raccolta di alimenti e altri generi di prima necessità per gli amici a quattro zampe che provengono dall’Ucraina. Una rete di solidarietà che ha prodotto importanti risultati: l’iniziativa ha infatti permesso di raccogliere quasi sette quintali di alimenti vari, oltre a ciotole e altri generi ritenuti necessari per dare ristoro agli animali domestici.

«Un’enorme generosità - sottolinea il referente dell’associazione, Paolo Nunzio Belfiore - alla quale abbiamo voluto in minima parte contraccambiare consegnando un cioccolatino a chiunque arrivasse a portare il proprio sostegno allo stand allestito in via Nazionale».

Una volta finita la raccolta, i volontari hanno catalogato e sistemato su appositi mezzi tutto il materiale per portarlo alla Mostra d’Oltremare: «Dove ad accoglierci - prosegue Belfiore - c’erano i medici veterinari dell’Asl Napoli 1 e il console dell’Ucraina. Da loro sono arrivati ringraziamenti ai tanti cittadini che si sono prodigati per rispondere al nostro appello e che non hanno fatto mancare la loro partecipazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA