​Tribunale di Napoli, assembramenti e gran ressa per i carichi pendenti: ecco il motivo

Venerdì 29 Maggio 2020 di Leandro Del Gaudio
Ressa e momenti di insofferenza all’esterno del Tribunale di Napoli. Tutti in fila per un certificato di carichi pendenti, documento necessario per lavorare, per viaggiare o per intraprendere un percorso di adozione, ma a venti giorni di riapertura della cosiddetta fase due, resta ancora critica la gestione degli utenti. Inevitabili gli assembramenti, decisivo il lavoro svolto in questo venerdì di fine maggio dagli agenti della polizia penitenziaria.

LEGGI ANCHE Tribunale di Napoli, udienza rinviata a Natale: il flop della fase 2

A creare questo tipo di scenario, con centinaia di persone in fila al sole e a rischio trasmissione del virus è la decisione di tenere aperto lo sportello ufficio casellario solo due giorni la settimana, a differenza di quanto avveniva prima dell’emergenza sanitaria. © RIPRODUZIONE RISERVATA