Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Turismo, il Papa ai giovani a Sorrento: «Voi, messaggeri di pace»

Mercoledì 29 Giugno 2022 di Antonino Pane
Turismo, il Papa ai giovani a Sorrento: «Voi, messaggeri di pace»

Il tempo dei giovani. Un tempo speciale, da usare bene. A Sorrento, ai 130 ragazzi in rappresentanza di 60 Nazioni, il messaggio di Papa Francesco è arrivato forte e chiaro. “Usate bene e responsabilmente il tempo che avete a vostra disposizione - ha detto Papa Francesco - è così che si cresce e ci si prepara ad assumere compiti più impegnativi. Siate messaggeri di speranza”. Già, la speranza. La stessa che l’Organizzazione Mondiale del Turismo (Unwto), in collaborazione con il Ministero del Turismo e l’Enit, ha posto alla base del primo summit mondiale dedicato ai giovani sul tema del turismo. Una speranza fondata soprattutto sull’ascolto soprattutto per quanto riguarda la sostenibilità. Il segretario generale dell’Onu per il turismo, Zurab Pololikashvili, ha aperto i lavori proprio con questa esortazione rivolta ai giovani.

«Siamo qui non per parlare ma per ascoltare. Vogliamo sapere da voi come il turismo va coniugato con la sostenibilità, cosa vi aspettate dal turismo di domani. Siete voi i protagonisti». Parole che sono piaciute al ministro per il turismo Massimo Garavaglia che ha rincarato la dose: «Osate tanto, siate provocatori. Stupiteci». E i giovani certamente non si faranno pregare oltre. Molti hanno affrontato viaggi lunghissimi per portare la loro voce a Sorrento e per partecipare a sei masterclass previsti. C’è, ad esempio, la delegazione dell’Armenia, quella dello Yemen, passando per Stati Uniti, Barbados, Italia, Sudan e Kazakistan. Presenta anche una delegazione di ragazzi ucraini. Arriva dal Marocco il partecipante più giovane, appena 12 anni. «Avere Papa Francesco che apre il Summit - ha detto Alessandra Priante, direttore per l’Europa dell’Unwto - è una delle cose più belle che poteva accadere». I ragazzi faranno una full immersion nel mondo del turismo, analizzando e riflettendo sugli aspetti negativi e positivi per poi confrontarsi sulla ricerca di soluzioni. I giovani “lavoreranno” assieme ai politici dei lori Paesi e non solo. Si confronteranno con esponenti di spicco del mondo dello sport, della gastronomia, dello spettacolo e dell’innovazione per poi arrivare a un documento finale che sarà la Dichiarazione di Sorrento. «Ora più che mai abbiamo bisogno di nuove idee - ha affermato il Segretario generale dell’Unwto, Zurab Pololikashvili. La nostra organizzazione sta facendo dei giovani una parte fondamentale del nostro lavoro». Tra gli speaker internazionali, l’inviato per la gioventù, Jayathma Wickramanayake, ambasciatori Unwto del Turismo responsabile quali Valeria Mazza, Didier Drogba, Gino Sorbillo, Pilar Rodriguez. E ancora la fondatrice e presidente della Smallworld Foundation, Salam Hamzeh Ghaith, il vice-presidente di MasterCard, Nicola Villa, e il vice-presidente dell’Hilton Group, Dominique Piquemal. Previsti anche gli interventi di Sophia Loren, Pierfrancesco Vago, Daniela Picco, Diego Simeone, Fernando Hierro e tanti altri personaggi internazionali. 



Concetti fondamentali anche per Maria Elena Rossi, direttrice marketing dell’Enit: «I valori della sostenibilità - ha detto - dovranno indirizzare la produzione di volumi e ricchezza nel turismo». Tra gli ospiti, collegata da Macao, Ms Pansy Ho, una delle business-woman più importanti della Cina, anche lei Unwto Ambassador, che, con il suo istituto, ha finanziato la grande ricerca mondiale sull’impatto del covid sui ragazzi. La ricerca, che verrà presentata in anteprima assoluta durante il Summit, ha anche un focus specifico sui ragazzi dell’Asia e su quelli dell’Italia. I risultati sono incredibilmente incoraggianti ma anche drammatici. Molto profonda la visione pessimistica del futuro, specie nei ragazzi più vicini ai 18/19 anni, ma altrettanto forte la capacità di resilienza. Dalla speranza alle certezze.

Quelle portate dal sindaco di Sorrento, Massimo Coppola: «Per una città che ha fatto dell’ospitalità la sua bandiera, riconosciuta in tutto il mondo, accogliere la prima edizione di un evento che si candida a divenire il principale appuntamento internazionale dedicato a giovani e turismo - dice - è motivo di grande orgoglio ma anche un’enorme responsabilità e una sfida che raccogliamo. E come tributo e simbolo di impegno, abbiamo consegnato le chiavi della Città al segretario generale Zurab Pololikashvìli, affinchè da Sorrento possa ripartire la volontà di continuare a perseguire gli obiettivi dell’Agenda 2030».

© RIPRODUZIONE RISERVATA