Uber e ItTaxi insieme anche a Napoli: come cambia il trasporto cittadino

A Napoli, app Uber aperta oltre un milione di volte per richiedere una corsa

Collaborazione tra Uber e Radio Taxi Partenope 0101
Collaborazione tra Uber e Radio Taxi Partenope 0101
Giovedì 24 Novembre 2022, 14:41
3 Minuti di Lettura

Dopo il lancio del servizio Taxi a Napoli, nel settembre 2020, da oggi è attiva anche a Napoli la collaborazione tra Uber e i taxi del consorzio It Taxi, operato dal Radiotaxi Partenope 0101.

Grazie all’accordo con It Taxi, annunciato a Roma lo scorso 24 maggio e rivolto a 12 mila taxi di 90 città italiane, il servizio in città viene potenziato e permetterà una maggiore efficienza e accessibilità a tutti gli utenti dell’app Uber. La partnership con It Taxi è attiva a Roma da luglio e a Milano da settembre e, da oggi, anche a Napoli, proseguendo il suo scopo di ampliare e rendere più efficiente la mobilità urbana in Italia.

Le macchine del Radio Taxi Partenope 0101 a Napoli potranno fin da subito ricevere ed effettuare le richieste di corse che arrivano dagli utenti dell'app Uber, potenziando la mobilità urbana della città attraverso un servizio di trasporto efficiente e capillare. L’accesso alla tecnologia di Uber consente ai taxi di Partenope di ottimizzare il proprio lavoro, riducendo i tempi di attesa tra una corsa e l’altra e incrementare le proprie entrate.

La richiesta a Napoli è molto importante: nel 2022, l'app Uber è stata aperta oltre un milione di volte per richiedere una corsa in città.

Video

«Dopo Milano e Roma, prosegue il nostro piano di espansione della partnership con It taxi a Napoli, confermando il nostro impegno a portare i benefici della nostra tecnologia a un numero sempre maggiore di città e cittadini nel nostro paese. Ci impegniamo costantemente a collaborare con gli operatori del settore affinché la mobilità delle città italiane sia sempre più efficiente e soddisfacente per tutti, cittadini, turisti e gli stessi operatori del trasporto pubblico non di linea» ha commentato Lorenzo Pireddu, general manager di Uber Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA